Dal tuo Comune Monreale Palermo Alcamo Altofonte Bagheria Balestrate Belmonte Mezzagno Borgetto Camporeale Carini Casteldaccia Castellammare Castelluzzo Cefalù Cinisi Corleone Partinico Piana degli Albanesi San Cipirello San Giuseppe Jato San Vito Lo Capo Santa Cristina Gela Termini Imerese Terrasini Trabia
Facebook Page Twitter Google Plus YouTube Rss

Home Cronaca Politica Sport Eventi Palermo Regione Italia Mondo

Spazio Vitale
 
 

28/04/2014 

Italia

Un anno fa l'attentato al brigadiere monrealese Giangrande: "Non perdonerò mai chi mi ha sparato"

Un anno fa l'attentato al brigadiere monrealese Giangrande: "Non perdonerò mai chi mi ha sparato" Stampa

Il carabinieri in clinica per la riabilitazione fino a luglio

È trascorso un anno esatto da quel 28 aprile in cui il brigadiere monrealese Giuseppe Giangrande in servizio a Roma davanti Palazzo Chigi fu colpito da colpi di pistola sparati da Luigi Preiti. Giangrande, ha ancora una gran voglia di vivere anche se è rimasto paralizzato e ha perso del tutto l'uso di gambe e braccia. "Mi aspetto di vivere la vita. Ho voglia di viverla. Anche se in maniera diversa da prima". Dopo una polmonite è dovuto tornare nella clinica riabilitativa di Imola dove è costantemente assistito dalla figlia Martina che ha raccolto le sue dichiarazioni. Dice Giuseppe Giangrande: "Resterò qui fino a luglio. Lavoreremo per tentare di riprendere l'uso del braccio destro". Un calvario che dura da un anno, tra speranze e  miglioramenti passeggeri. Luigi Preiti, l'attentatore che gli sparò, condannato a 16 anni, gli ha inviato mesi fa un messaggio. Il brigadiere così gli risponde oggi: "Preiti sostiene che, se potesse, si sostituirebbe a me? Si farebbe carico della mia sofferenza? No, fa bene a stare dove sta".
Fermezza e dignità sottolineate oggi anche dall'ex Premier Letta in una lettera di vicinanza. Nonostante le sue sofferenze, dalla clinica il brigadiere ribadisce di non considerare un pazzo l'attentatore: "Le sue non sono nemmeno giustificazioni. Sicuramente lui sa il motivo per cui ha sparato. Ma noi, questo motivo, non lo sappiamo": 

(Fonte Tgcom.it)

La Redazione

© Riproduzione riservata

Tags: giuseppe giangrande - situazione - riabilitazione - intervista - luigi preiti - perdono - clinica - imola - fisioterapia - uso - braccio - destro

Notizie correlate:
- 10/03/2014  Parla la figlia del brigadiere Giuseppe Giangrande: "Vivo per lui"
- 19/12/2013 È tornato a casa il brigadiere monrealese Giuseppe Giangrande
- 15/09/2013 Parla Giangrande, il carabiniere monrealese ferito: "Non sono un eroe"

Ottica Nuova Visione Monreale
COMMENTI




















Testata Giornalistica Registrata - Autorizzazione del Tribunale di Palermo N. 621/2013
Direttore Responsabile Giorgio Vaiana - Condirettore Responsabile Michele Ferraro

Versione Mobile - Disclaimer - Pubblicità - Privacy - Scriveteci
© 2019 - Migi Press Snc - vincenzoganci.com - Codice Sorgente di Fp Web