Dal tuo Comune Monreale Palermo Alcamo Altofonte Bagheria Balestrate Belmonte Mezzagno Borgetto Camporeale Carini Casteldaccia Castellammare Castelluzzo Cefalù Cinisi Corleone Partinico Piana degli Albanesi San Cipirello San Giuseppe Jato San Vito Lo Capo Santa Cristina Gela Termini Imerese Terrasini Trabia
Facebook Page Twitter Google Plus YouTube Rss

Home Cronaca Politica Sport Eventi Palermo Regione Italia Mondo

Spazio Vitale
 
 

27/11/2014 

Regione

Trivelle in Sicilia, c'è l'autorizzazione del Ministero. Greenpeace: "Scelta da folli"

Trivelle in Sicilia, c'è l'autorizzazione del Ministero. Greenpeace: "Scelta da folli" Stampa

Al largo della costa delle province di Caltanissetta, Agrigento e Ragusa. La protesta anche di Legambiente

Arrivano le trivelle al largo della costa delle province di Caltanissetta, Agrigento e Ragusa, nonostante la ferma opposizione dei territori. È stato pubblicato il decreto del Ministero dello Sviluppo Economico con cui viene data la prima concessione di coltivazione di idrocarburi nel Canale di Sicilia, per un’area di oltre 145 chilometri quadrati e per una durata di vent’anni.

Si tratta della concessione G. C1-.AG, relativa al progetto “Offshore Ibleo” di ENI e EDISON, che prevede ben otto pozzi, di cui due “esplorativi”, una piattaforma e vari gasdotti, i cui lavori dovrebbero iniziare entro un anno. Contro il parere positivo dato dal Ministero dell’Ambiente a questo progetto, Greenpeace insieme a ben cinque amministrazioni comunali, ANCI Sicilia, associazioni ambientaliste, della pesca e del turismo aveva fatto ricorso al TAR del Lazio meno di due mesi fa, e i suoi attivisti avevano protestato rimanendo più di trenta ora sulla piattaforma Prezioso, al largo di Licata (Agrigento).

“Questa autorizzazione è un chiaro segnale che il Ministero dello Sviluppo non intende prendere in alcuna considerazione la volontà del territorio, ma solo favorire gli interessi delle grandi compagnie petrolifere. - afferma Giorgia Monti, responsabile della campagna mare di Greenpeace - Con il nostro ricorso al TAR abbiamo mostrato che la compatibilità ambientale a questo progetto è stata concessa con valutazioni carenti e inaccettabili. Proseguire nell’iter autorizzativo è da irresponsabili. Faremo ricorso anche contro questo nuovo provvedimento e invitiamo tutti coloro che sono interessati a fermare le trivellazioni a unirsi a noi. È necessario che il territorio si mobiliti”.

L’impatto ambientale sarebbe devastante in aree come il Canale di Sicilia che la comunità internazionale ha identificato come vulnerabile e meritevole di speciale tutela e recenti studi dell’ISPRA hanno identificato come area di inestimabile biodiversità e sede di pericolosi fenomeni di vulcanesimo. Danneggiando il mare questo tipo di sviluppo favorirebbe solo chi estrae idrocarburi, mettendo invece a serio rischio le economie locali dalla pesca al turismo, a fronte di benefici minimi in termini di occupazioni, erario e fabbisogni energetici.

La Sicilia non è disposta a subire, come dimostrano le recenti iniziative promosse da Greenpeace e sottoscritte da diverse amministrazioni e associazioni locali, dal ricorso al TAR contro questo progetto alle diffide inviate alla Commissione VIA contro i progetti di ricerca della Schlumberger Italiana nel Canale di Sicilia. Il governatore Rosario Crocetta sembra ormai rimasto il solo a sponsorizzare questa strategia insensata. Sono già una ventina i comuni che hanno deliberato per chiedere al governo regionale di impugnare l’art. 38 dello Sblocca Italia per incostituzionalità e fermare così le trivellazioni. Speriamo che sempre più amministrazioni accolgano l’invito lanciato da ANCI Sicilia dalla nostra nave Rainbow Warrior a settembre.

“La discussione di ieri all'Ars ci rassegna una situazione davvero grave.  Il governo Crocetta – dichiara Mimmo  Fontana, presidente regionale di Legambiente Sicilia – va dritto su una strada senza futuro che porterà la Sicilia fuori dal percorso virtuoso che stanno seguendo tutte le
economie che, a differenza della nostra che sta deperendo, stanno crescendo. Fra qualche anno ci troveremo con un pugno di mosche in mano e con una crisi ambientale ancora peggiore di quella attuale, a dipendere tecnologicamente dai territori che avranno puntato sulla ricerca, sull'innovazione e sulle rinnovabili. Insomma, su quella green economy che rappresenta oggi l'unico pezzo dell'economia occidentale in forte crescita mentre tutto il resto arranca. Da cittadini siciliani non subiremo questo destino inerti, ma cercheremo in ogni modo di opporci, e soprattutto non consentiremo forzature di alcun tipo in nome di un sovraordinato interesse politico, come ci pare stia già avvenendo”.

La Redazione

© Riproduzione riservata

Tags: trivelle - sicilia - agrigento - caltanissetta - ragusa - autorizzazioni - ministero - protesta - greepeace - legambiente - mimmo fontana

Ottica Nuova Visione Monreale
COMMENTI




















Testata Giornalistica Registrata - Autorizzazione del Tribunale di Palermo N. 621/2013
Direttore Responsabile Giorgio Vaiana - Condirettore Responsabile Michele Ferraro

Versione Mobile - Disclaimer - Pubblicità - Privacy - Scriveteci
© 2018 - Migi Press Snc - vincenzoganci.com - Codice Sorgente di Fp Web