Dal tuo Comune Monreale Palermo Alcamo Altofonte Bagheria Balestrate Belmonte Mezzagno Borgetto Camporeale Carini Casteldaccia Castellammare Castelluzzo Cefalù Cinisi Corleone Partinico Piana degli Albanesi San Cipirello San Giuseppe Jato San Vito Lo Capo Santa Cristina Gela Termini Imerese Terrasini Trabia
Facebook Page Twitter Google Plus YouTube Rss

Home Cronaca Politica Sport Eventi Palermo Regione Italia Mondo

Spazio Vitale
 
 

05/01/2016 Palermo

Palermo

Terrorismo, al vaglio degli investigatori i contatti della ricercatrice libica a Palermo

Terrorismo, al vaglio degli investigatori i contatti della ricercatrice libica a Palermo Stampa

Non risultano indagati, ma condividerebbero con Khadiga Shabbi idee pro Isis

Continuano le indagini intorno a Khadiga Shabbi, la ricercatrice libica dell'Università di Palermo, al centro di un'indagine per istigazione al terrorismo (leggi qui). La donna è sottoposta all'obbligo di dimora nel capoluogo siciliano e gli inquirenti stanno ricostruendo la rete di contatti in città della donna. A cinque suoi conoscenti - un cittadino tunisino, un marocchino, due libici e una palestinese anche lei impegnata nello svolgimento di una borsa di studio all'università -  la Digos ha sequestrato computer, telefonini e pendrive. Formalmente non risultano indagati, ma qualcuno di loro ha chiesto di essere assistito da un legale.

Tutto il materiale sequestrato, anche se è stato trovato a casa degli amici della Shabbi, è ritenuto appartenente o comunque "di pertinenza" della donna. Il gruppo di amici sono "sospettati di condividere con lei idee e posizioni filo-jihad e pro Isis, avendo scambiato opinioni e ricevuto informazioni, che la ricercatrice aveva in anteprima anche rispetto ai media libici e internazionali". Gli inquirenti vogliono capire se la docente facesse "propaganda" o se la sua attività fosse più pericolosa.

La ricercatrice universitaria libica di 45 anni, che la Procura di Palermo voleva arrestare con l'accusa di istigazione al terrorismo, è al centro di un braccio di ferro tra l'ufficio inquirente e i Gip. Al momento la donna ha avuto dal giudice solo l'obbligo di dimora nel capoluogo siciliano. Contro il mancato arresto della Shabbi la Procura, coordinata da Franco Lo Voi, ha già fatto appello al tribunale del riesame: sarà discusso il 15 gennaio. Ma intanto l'inchiesta dei pm Gery Ferrara e Emanuele Ravaglioli va avanti. Proprio gli intrecci di conversazioni telefoniche e via chat, i post condivisi su Facebook e su altri social network, sono alla base di questo allargamento delle indagini.

La Redazione

© Riproduzione riservata

Tags: palermo - terrorismo - indagini - digos - università - contatti - isis - propaganda - computer - cellulari - sequestro - tribunale -

Notizie correlate:
- 05/01/2016  Palermo, aggredisce e deruba un 70enne, arrestato dopo un rocambolesco inseguimento
- 05/01/2016  Antonella De Miro è il nuovo prefetto di Palermo
- 04/01/2016  Palermo, via alla "rivoluzione" dei trasporti: ecco tutti i dettagli
- 03/01/2016  Intrappolati in una stanza, 60 minuti per fuggire: sbarca a Palermo "Escape Room"
- 02/01/2016  Lavoro, l'università di Palermo a caccia di ricercatori

Ottica Nuova Visione Monreale
COMMENTI




















Testata Giornalistica Registrata - Autorizzazione del Tribunale di Palermo N. 621/2013
Direttore Responsabile Giorgio Vaiana - Condirettore Responsabile Michele Ferraro

Versione Mobile - Disclaimer - Pubblicità - Privacy - Scriveteci
© 2017 - Migi Press Snc - vincenzoganci.com - Codice Sorgente di Fp Web