Dal tuo Comune Monreale Palermo Alcamo Altofonte Bagheria Balestrate Belmonte Mezzagno Borgetto Camporeale Carini Casteldaccia Castellammare Castelluzzo Cefalù Cinisi Corleone Partinico Piana degli Albanesi San Cipirello San Giuseppe Jato San Vito Lo Capo Santa Cristina Gela Termini Imerese Terrasini Trabia
Facebook Page Twitter Google Plus YouTube Rss

Home Cronaca Politica Sport Eventi Palermo Regione Italia Mondo

Spazio Vitale
 
 

21/11/2013 Termini Imerese

Regione

Termini, gestiva un autolavaggio, ma non pagava l´Enel, arrestato

Termini, gestiva un autolavaggio, ma non pagava l´Enel, arrestato Stampa

Dal dicembre 2011 gli era stato staccato il contatore, ma lui aveva continuato lo stesso l´attività allacciandosi abusivamente

È successo tutto nel corso della mattinata del 19 novembre, quando, durante lo svolgimento di un regolare servizio di pattugliamento del territorio finalizzato alla repressione dei reati contro il patrimonio e nello specifico al contrasto del crescente fenomeno dei furti di energia elettrica, i militari della Stazione Carabinieri di Termini Imerese hanno tratto in arresto, per il reato di furto aggravato, Rosario Morreale, termitano classe 1965, artigiano.

I militari della Stazione cittadina, si sono portati all’interno dell’attività artigianale di proprietà e gestita da Morreale, di via Barratina, e nello specifico di un autolavaggio, unitamente a personale tecnico dell’Enel che effettuava le verifiche di competenza. Presso l’autolavaggio appunto, era stato realizzato un allaccio abusivo alla rete elettrica pubblica. In particolare veniva constatato che il contatore dell’utenza intestata al trasgressore, sebbene presente e collocato all’interno di una nicchia sulla pubblica via, non era in funzione poiché la fornitura di energia elettrica risultava cessata a far data dal dicembre del 2011 e che l’allaccio abusivo e fraudolento alla rete Enel era stato realizzato mediante l’utilizzo di quattro fili che collegavano direttamente la rete pubblica all’impianto elettrico al citato autolavaggio, alimentandolo senza che l’energia prelevata potesse essere quantificata dal contatore e pertanto contabilizzata.

Morreale, attraverso questo stratagemma, non pagava l’energia elettrica utilizzata per la conduzione della sua attività dal dicembre del 2011, a discapito della società fornitrice.

L’arrestato, esperite le formalità di rito, veniva tradotto agli arresti domiciliari in attesa di giudizio con rito direttissimo, che si è svolto ieri e durante il quale il Giudice, oltre a convalidare l’arresto, ha condannato l’uomo, che nella circostanza ha patteggiato, alla pena di 8 mesi di reclusione, pena sospesa ed al pagamento di una multa di 300 euro, rimesso in libertà, che dovrà sommarsi all’ammontare in termini economici dell’energia sottratta illecitamente dal dicembre del 2011 alla data dell’accertamento alla società Enel.

Dall’inizio dell’anno ad oggi, i Carabinieri hanno arrestato per il reato di furti di energia elettrica e truffa, 157 persone (131 uomini e 26 donne); 102 persone denunciate in stato di libertà (82 uomini e 20 donne). Per quanto riguarda le attività commerciali, 47 persone tratte in arresto e 7  persone denunciate.

La Redazione

© Riproduzione riservata

Tags: termini - termini imerese - furto - energia - elettrica - autolavaggio - arrestato - rosario morreale

Gallery


Notizie correlate:
- 20/11/2013 Termini, rapina violenta ai danni di un anziano, tre finiscono in manette
- 10/09/2013 Termini, precipita ultraleggero, due morti
- 11/02/2013 Termini, netturbini in sciopero, raccolta in tilt

Ottica Nuova Visione Monreale
COMMENTI




















Testata Giornalistica Registrata - Autorizzazione del Tribunale di Palermo N. 621/2013
Direttore Responsabile Giorgio Vaiana - Condirettore Responsabile Michele Ferraro

Versione Mobile - Disclaimer - Pubblicità - Privacy - Scriveteci
© 2019 - Migi Press Snc - vincenzoganci.com - Codice Sorgente di Fp Web