Dal tuo Comune Monreale Palermo Alcamo Altofonte Bagheria Balestrate Belmonte Mezzagno Borgetto Camporeale Carini Casteldaccia Castellammare Castelluzzo Cefalù Cinisi Corleone Partinico Piana degli Albanesi San Cipirello San Giuseppe Jato San Vito Lo Capo Santa Cristina Gela Termini Imerese Terrasini Trabia
Facebook Page Twitter Google Plus YouTube Rss

Home Cronaca Politica Sport Eventi Palermo Regione Italia Mondo

Spazio Vitale
 
 

19/04/2015 Monreale

Matita di Legno

Se la luce del Duomo non viene mostrata...

Se la luce del Duomo non viene mostrata... Stampa

Nelle visite quotidiane non si tiene conto di un elemento fondamentale per il nostro Monumento

“Καὶ ἠγάπησαν οἱ ἂνθρωποι μᾶλλον τὸ σχότος ἢ τὸ φῶς”.

“E gli uomini vollero piuttosto le tenebre che la luce” (Giovanni, III, 19).

Per un attimo scegliete di travalicare questo schermo e assaporate il contatto con questa strana entità fisica. La Luce. Vi sto portando ad ammirare con occhi di un’altra mente il nostro mondo pieno di sensazioni spesso trascurate. Cosa è in grado di evocare questa eterea presenza e cosa ha generato nel nostro contesto urbano fatto di un Tempo storico e architettonico?

La definizione "metafisica della luce" fu coniata nel 1916 da Clemens Baeumker e indica un contesto speculativo della cultura filosofica e teologica latina medievale che si innestò sotto la spinta di molteplici influssi: neoplatonici, teologici (la patristica greca, Agostino e lo pseudo-Dionigi) e arabi (Alkindi, Avicenna, Algazel e soprattutto Avicebron). La dottrina agostiniana dell'illuminazione divina dell'intelletto, ininterrottamente trasmessa nel pensiero medievale, connette insieme il livello fisico, psicologico, gnoseologico e teologico sotto l'insegna della luce, ed in stretta continuitàcon la dogmatica cristiana: espressioni come “Cristo lumen gentium”, e la relazione trinitaria quale “lumen de lumine »divengono più che una metafora o pura analogia.

Provo adesso a contestualizzare calando nella nostra dimensione tali concetti: “La luce come forma architettonica” è esattamente l'opposto dell’architettura della luce, in quanto in quest'ultima la luce può essere indipendente dall'architettura e formarne una propria anche con esiti devastanti e offensivi dei sottostanti livelli. Questa “luce come forma architettonica” è inscindibile dai caratteri specifici dell'architettura. E poiché il linguaggio architettonico è qualificato dallo spazio interno, dalle cavità vissute in modo dinamico, “la luce come forma dell'architettura” riguarda principalmente lo spazio interno e il suo involucro.

Guardando alla Preistoria (grado zero della luce), non ci sono regole, simmetrie, ripetizioni, assonanze, stabilità, armonie, equilibri e proporzioni, ma piuttosto casualità e dissonanze di ogni genere e intensità. Nelle caverne, nei passaggi sotterranei, nei templi e nelle chiese ipogeiche, la luce è più eloquente di quella di ogni altra epoca. Batte su ogni superficie che non è separata dalle altre, ma si muove su piani continui, ruvidi, organici, impuri, contaminati, rovinati. Entro questo sistema, il buio gioca spesso un suo ruolo più o meno inquietante.

In tale senso l'intera storia dell'architettura forse potrebbe essere interpretata come una serie di tentativi per riconquistare alcuni dei valori perduti della preistoria. Nelle età antiche, la luce segue le finalità dello spazio. Nell'antica Grecia, ad esempio, la luce cade sui volumi e sulle loro componenti, colonne, modanature, cornici. Le Corbusier parla giustamente di “volumi liberi e puri sotto la luce”, non della luce attraverso e dentro i volumi.

Qualcosa di analogo accade nell'antica Roma. Quando lo spazio interno esiste, ma è statico, isolato, privo di contatti con lo spazio urbano, la luce resta un'entità fine a se stessa, e basti pensare all'oculo del Pantheon in cui la luce permea il vuoto e non dialoga con il tutto poiché non aggiunge significati simbolici alla struttura.

Nel Medioevo la luce deflagra, si fa protagonista dell'architettura, specie nei suoi interni stregati. Non di rado, la consistenza tettonica è disintegrata,poiché l'involucro è ammantato di mosaici. Ogni profondità è riassorbita, e le pareti si riducono a superfici fluenti. In questo mondo senza peso, la luce può determinare esiti stupefacenti.

Basti pensare a San Vitale di Ravenna, a Santo Sofia ad Istanbul, al nostro Duomo di Monreale. Nel nostro famoso tempio normanno le absidi dilatano il vuoto, attirando brani della cavità dall'interno verso l'esterno. Ma la luce contrasta questo moto e preme dall'esterno all'interno. Alla fine, la luce vince, inonda le superfici mosaicate che l'incorporano e la ritrasmettono tanto che sembra emanare da dentro a fuori. Le pareti sono radianti, assai più delle loro forature. Per non parlare del gioco di riverberi alto/basso contrastati tra il marmoreo bianco istoriato del livello umano che diviene esplosione di luce mistica nel superno fragore dorato.

La luce di Dio non è né spirituale, come quella dell’intelletto angelico e umano, né corporea come quella che costituisce gli enti naturali: è indefinibile e completamente trascendente. Dunque anche sul piano teologico si avvalora l'assunto che ogni esistenza è una forma della luminosità.

Nella Genesi tutto origina nella Luce (Gen 1,3). Nella risurrezione si verifica in modo più sublime ciò che questo testo descrive come l’inizio di tutte le cose. Dio dice nuovamente: “Sia la luce!”. Con la risurrezione, il giorno di Dio entra nelle notti della storia. A partire dalla risurrezione, la luce di Dio si diffonde nel mondo e nella storia. Si fa giorno. Solo questa Luce – Gesù Cristo – è la Luce vera, più del fenomeno fisico di luce. Egli è la Luce pura: Dio stesso, che fa nascere una nuova creazione in mezzo a quella antica, trasforma il caos in cosmo.

Nel corpo di fabbrica del Duomo questa luce non buca le pareti per colorare lo spazio, ma diviene intrinseca all'involucro edilizio, che risulta tessuto da partizioni strutturali e tracciati di luce. Pertanto il tema della luce non è analizzato con dovuta attenzione nelle quotidiane visite architettoniche di questo bene religioso e culturale. Un fondamentale strumento del linguaggio dell'architettura e del messaggio cristiano viene dunque sottovalutato. Inoltre ciò che è divenuto indifferenza dei critici e dei commentatori nei confronti dei valori della luce si riflette automaticamente in quella dei progettisti e dei fruitori generici; gli edifici contemporanei risultano così drammaticamente privati di uno dei loro più arcani e ipnotici messaggi.

Raimondo Burgio

© Riproduzione riservata

Tags: monreale - blog - matita di legno - duomo - cattedrale - edilizia - luce - raimondo burgio -

Notizie correlate:
- 19/04/2015  Monreale, bullismo e sicurezza stradale: la Polizia incontra gli studenti di Aquino
- 17/04/2015  Una terna di aziende monrealesi all'Expo 2015 per promuovere il territorio
- 17/04/2015  Monreale, nuove isole pedonali e Ztl. Ed il bus 389 non arriverà mai più in piazza
- 17/04/2015  San Martino, stavano rubando armadietti dal campetto comunale, arrestati
- 17/04/2015  Monreale, stava rubando cavi di rame, arrestato dai carabinieri

Ottica Nuova Visione Monreale
COMMENTI




















Testata Giornalistica Registrata - Autorizzazione del Tribunale di Palermo N. 621/2013
Direttore Responsabile Giorgio Vaiana - Condirettore Responsabile Michele Ferraro

Versione Mobile - Disclaimer - Pubblicità - Privacy - Scriveteci
© 2018 - Migi Press Snc - vincenzoganci.com - Codice Sorgente di Fp Web