Dal tuo Comune Monreale Palermo Alcamo Altofonte Bagheria Balestrate Belmonte Mezzagno Borgetto Camporeale Carini Casteldaccia Castellammare Castelluzzo Cefalù Cinisi Corleone Partinico Piana degli Albanesi San Cipirello San Giuseppe Jato San Vito Lo Capo Santa Cristina Gela Termini Imerese Terrasini Trabia
Facebook Page Twitter Google Plus YouTube Rss

Home Cronaca Politica Sport Eventi Palermo Regione Italia Mondo

Spazio Vitale
 
 

28/11/2015 Palermo

Cronaca

Rifiuti in Sicilia e assunzioni nelle Srr, sono 11 mila quelle da verificare

Rifiuti in Sicilia e assunzioni nelle Srr, sono 11 mila quelle da verificare Stampa

L'assessore Contrafatto: "Basta furbate"

L’assessore regionale ai Rifiuti, Vania Contrafatto, rimette in discussione tutta la procedura che sta alla base della formazione delle Srr, le società pubbliche fondate dai Comuni che si occuperanno del servizio di raccolta e smaltimento, al posto dei vecchi Ato. "Le dotazioni organiche - ha dichiarato la Contrafatto - devono indicare precisamente funzioni, mansioni, fabbisogno e sostenibilità economica. Non è più il tempo delle furbate".

Come scrive il Giornale di Sicilia - si apre così un caso che riguarda circa 11 mila dipendenti dei vecchi Ato, che stavano transitando "indisturbati" verso le Srr. Gli Ato erano 27, le Srr sono 18 e in questo momento solo quattro: Kalat, Catania metropolitana, Trapani Nord e Messina Eolie, sono del tutto in regola con le procedure per l’assunzione del personale e la gestione del servizio. Per loro manca solo la gara d’appalto per trovare le aziende private che svolgano materialmente il servizio e che dovranno collaborare nell’assorbimento del vecchio personale degli Ato. Il problema nasce per tutte le altre Srr che hanno semplicemente fatto un’anagrafe dei vecchi dipendenti e accettato che vengano assorbiti, tra questi anche Monreale.

Una procedura - spiegano dall’assessorato che non può funzionare: c'è bisogno di un piano che preveda la copertura integrale dei costi del personale. L’assessorato ha bocciato gran parte delle piante organiche che sono pervenute e la Contrafatto è stata costretta a diramare una nuova direttiva che obbliga le Srr a riscrivere gli atti "tenendo conto degli oneri complessivi per il personale, che dovranno essere coperti dalle entrate del piano tariffario".

La tariffa dunque, dovrà garantire il principio di economicità del piano industriale, incluso il costo del personale. L’assessore avverte anche che non si potrà semplicemente aumentare la tariffa - dunque i costi a carico dei cittadini - per coprire 11 mila stipendi.

La Redazione

© Riproduzione riservata

Tags: palermo - assessore - energia - rifiuti - vania contrafatto - srr - ato - dipendenti - assunzioni - gestione - regione - sicilia -

Notizie correlate:
- 28/11/2015  Targhe di automobili abbandonate alla "conigliera": magari una è la vostra
- 28/11/2015  Maltempo, allagamenti, traffico in tilt e gente impazzita: e il web si sbizzarrisce
- 27/11/2015  Palermo, beccato mentre gioca al solitario con gli utenti che aspettano in coda
- 27/11/2015  Palermo, strade sporche e cassonetti strapieni: Moncada attacca la Rap
- 26/11/2015  Palermo, sorpreso a rubare scappa e rischia di cadere da un dirupo: salvato da un poliziotto

Ottica Nuova Visione Monreale
COMMENTI




















Testata Giornalistica Registrata - Autorizzazione del Tribunale di Palermo N. 621/2013
Direttore Responsabile Giorgio Vaiana - Condirettore Responsabile Michele Ferraro

Versione Mobile - Disclaimer - Pubblicità - Privacy - Scriveteci
© 2019 - Migi Press Snc - vincenzoganci.com - Codice Sorgente di Fp Web