Dal tuo Comune Monreale Palermo Alcamo Altofonte Bagheria Balestrate Belmonte Mezzagno Borgetto Camporeale Carini Casteldaccia Castellammare Castelluzzo Cefalù Cinisi Corleone Partinico Piana degli Albanesi San Cipirello San Giuseppe Jato San Vito Lo Capo Santa Cristina Gela Termini Imerese Terrasini Trabia
Facebook Page Twitter Google Plus YouTube Rss

Home Cronaca Politica Sport Eventi Palermo Regione Italia Mondo

Spazio Vitale
 
 

21/12/2015 Palermo

Cronaca

Raccolta rifiuti, occhi puntati della Regione sugli affidamenti diretti: anche Monreale nel mirino

Raccolta rifiuti, occhi puntati della Regione sugli affidamenti diretti: anche Monreale nel mirino Stampa

Sono 74 i comuni che hanno sfruttato l'articolo 191

Affidavano il servizio di raccolta dei rifiuti - sfruttando le pieghe delle leggi che regolano le emergenze - aggirando così le norme anticorruzione. Quello che è successo anche a Monreale, quando è stato affidato alla Tech il servizio di raccolta. In Sicilia è un escamotage che coinvolge sempre più Comuni e che provoca la duplicazione di costi da coprire poi con fondi pubblici. Per questo motivo l’assessore Vania Contrafatto ha denunciato il caso a Raffaele Cantone e alle Procure della Repubblica e della Corte dei Conti.

Sono 74 i sindaci su cui l’assessorato ha acceso i riflettori. Nel mirino sono finiti gli affidamenti diretti fatti sfruttando l’articolo 191 del decreto legislativo 152 del 2006. È quello che dà mano libera in caso di emergenze che mettono a rischio la salute pubblica: ciò che normalmente accade quando si blocca il servizio di raccolta e i rifiuti restano per giorni sulle strade. "Un circolo vizioso  - spiega l'assessore Vania Contrafatto - che moltiplica i costi per la Regione e i Comuni".

"In Sicilia - ha detto l'assessore Contrafatto - accade di frequente che i sindaci non paghino le quote di propria competenza agli Ato. A quel punto però l’Ato non può pagare i dipendenti, che normalmente scioperano lasciando le città invase dai rifiuti".

Da qui nasce l’emergenza che normalmente ogni sindaco affronta con ordinanze d’urgenza che funzionano come un tasto reset di fronte a tutte le norme che regolano gli appalti, ed è qui che la faccenda si fa più complicata.

Anche Monreale è nell'elenco dei comuni che ha sfruttato l'ex articolo 191. La Tech ha praticamente gestito il servizio per oltre un anno con ordinanze firmate da Piero Capizzi che sono state replicate mese dopo mese, fino a pochi giorni fa, quando è subentrata la Eco-Gestioni di Bagheria, ponendo fine alla raccolta "in emergenza". Ora toccherà alla Procura verificare la regolarità degli affidamenti.

La Redazione

© Riproduzione riservata

Tags: sicilia - raccolta - rifiuti - gara - appalto - incarichi - sindaci - assessore - rifiuti - vania contrafatto - denuncia - procura - corte dei conti - affidamento - servizio -

Notizie correlate:
- 18/12/2015  Natale tra musica, mostre e tradizioni: gli eventi di Sicilia Weekend
- 10/12/2015  I trekking più belli di Sicilia: online le guide gratuite
- 20/11/2015  Passeggiate, degustazioni e mostre, gli eventi del fine settimana per grandi e bambini
- 13/11/2015  Tra arte, storia e superstizione, ecco gli eventi del fine settimana
- 06/11/2015  Un weekend da vivere all'aria aperta, ecco gli eventi da non perdere

Ottica Nuova Visione Monreale
COMMENTI




















Testata Giornalistica Registrata - Autorizzazione del Tribunale di Palermo N. 621/2013
Direttore Responsabile Giorgio Vaiana - Condirettore Responsabile Michele Ferraro

Versione Mobile - Disclaimer - Pubblicità - Privacy - Scriveteci
© 2018 - Migi Press Snc - vincenzoganci.com - Codice Sorgente di Fp Web