Dal tuo Comune Monreale Palermo Alcamo Altofonte Bagheria Balestrate Belmonte Mezzagno Borgetto Camporeale Carini Casteldaccia Castellammare Castelluzzo Cefalù Cinisi Corleone Partinico Piana degli Albanesi San Cipirello San Giuseppe Jato San Vito Lo Capo Santa Cristina Gela Termini Imerese Terrasini Trabia
Facebook Page Twitter Google Plus YouTube Rss

Home Cronaca Politica Sport Eventi Palermo Regione Italia Mondo

Spazio Vitale
 
 

04/08/2015 Partinico

Regione

"Ridacci i soldi o ti ammazziamo": arrestati in tre per minacce ed usura

"Ridacci i soldi o ti ammazziamo": arrestati in tre per minacce ed usura Stampa

Finito in manette anche un uomo di Partinico

A Carini e Partinico, i Carabinieri della Compagnia di Bagheria, coadiuvati dai militari di Carini e Partinico, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di applicazione delle misura cautelare degli arresti domiciliari emessa dal Gip del Tribunale di Termini Imerese, per il reato di usura aggravata, nei confronti di: Antonio Lo Piccolo, detto Enzo, nato a Carini, e residente a Torretta; Alfonso Ferrante, nato a Palermo e residente a Carini; Gerardo Antonio Orvieto Guagliardo, detto Jonathan, nato e residente a Partinico, al quale viene anche contestata una tentata estorsione aggravata.

L’indagine, inizialmente diretta dalla Dda di Palermo e poi transitata per competenza alla Procura della Repubblica di Termini Imerese, è stata sviluppata attraverso attività tecniche e servizi di osservazione a distanza, ed ha consentito di fare luce su degli episodi estorsivi e di usura perpetrati, dal mese di novembre 2013 al marzo 2014, dagli indagati ai danni di un commerciante di Altavilla Milicia.  In particolare il commerciante, nel mese di ottobre 2014, chiedeva, per fare fronte a debiti di gestione della propria attività commerciale, a Lo Piccolo e a Orvieto Guagliardo, una somma contante di 6.700. euro

Nei successivi 6 mesi, i due, con l’intermediazione di Ferrante, costringevano la vittima a versare in varie rate la somma totale, comprensiva di interessi usurari, di 12.400 euro (con un tasso annuo pari a circa il 200%). Successivamente, Orvieto Guagliardo, al fine di estorcere ulteriore liquidità, si presentava presso l’esercizio commerciale, dove minacciava di morte la vittima, che si è rivolta così ai Carabinieri.

La Redazione

© Riproduzione riservata

Tags: usura - minacce - morte - commerciante - altavilla - carabinieri - bagheria - partinico - carini

Gallery


Ottica Nuova Visione Monreale
COMMENTI




















Testata Giornalistica Registrata - Autorizzazione del Tribunale di Palermo N. 621/2013
Direttore Responsabile Giorgio Vaiana - Condirettore Responsabile Michele Ferraro

Versione Mobile - Disclaimer - Pubblicità - Privacy - Scriveteci
© 2019 - Migi Press Snc - vincenzoganci.com - Codice Sorgente di Fp Web