Dal tuo Comune Monreale Palermo Alcamo Altofonte Bagheria Balestrate Belmonte Mezzagno Borgetto Camporeale Carini Casteldaccia Castellammare Castelluzzo Cefalù Cinisi Corleone Partinico Piana degli Albanesi San Cipirello San Giuseppe Jato San Vito Lo Capo Santa Cristina Gela Termini Imerese Terrasini Trabia
Facebook Page Twitter Google Plus YouTube Rss

Home Cronaca Politica Sport Eventi Palermo Regione Italia Mondo

Spazio Vitale
 
 

18/02/2015 Monreale

Cronaca

Questione Ato Palermo 2, la Fit Cisl contro l'accordo dei sindaci: "Umilia i lavoratori"

Questione Ato Palermo 2, la Fit Cisl contro l'accordo dei sindaci: "Umilia i lavoratori" Stampa

Giordano: "Rimpalli di responsabilità fra i diversi livelli della politica"

Continuano le riunioni di sindaci, commissario e curatore per discutere della questione Ato, ma ancora nessuna soluzione all'orizzonte. Gli operatori dell'azienda rimangono sospesi in un limbo, senza garanzie né proposte concrete che li facciano tornare a lavoro.

Sulla vicenda è intervenuto il segretario generale della Fit Cisl Dionisio Giordano, che punta il dito sui "rimpalli" di responsabilità che si susseguono ad ogni riunione e tavolo tecnico a cui partecipano politici di ogni livello.

“La vicenda del fallimento dell'Ato rifiuti Palermo 2 e la difficile trattativa avviata per il passaggio dei 276 lavoratori nella società di scopo della Srr tra sindaci e parti sociali, getta un'ombra nera sulle soluzioni che la politica intende assumere per evitare ulteriore macelleria sociale nel settore rifiuti, spesso ai tavoli di confronto assistiamo infatti ad un gioco di rimpallo di responsabilità fra i diversi livelli, comunali, regionali e nazionali,  tutto a scapito dei lavoratori”.

Afferma Giordano, intervenendo sulla vertenza Ato Palermo 2, ancora in attesa di una soluzione.

“Si trovi al più presto, non possono continuare a pagare i lavoratori, che rischiano di perdere lavoro e dignità. Gli interessi che finora hanno prevalso – aggiunge - erano e sono della politica innanzitutto locale. Non può passare infatti la favoletta che gli amministratori degli Ato assumevano personale, determinavano progressioni di carriera, esternalizzavano servizi, confezionavano bilanci societari, tutto all’oscuro dell’assemblea dei soci. Alle favole non crediamo più da anni ed i conti li facciamo con la realtà”.

Il segretario regionale Fit Cisl aggiunge: “la proposta dei sindaci per salvare i 276 addetti con le loro famiglie non fa altro che precarizzare e umiliare ulteriormente il rapporto di lavoro, all'interno di una trattativa mortificante senza dati economici certi, senza veri piani economici finanziari dei comuni”.

Giordano conclude: “Noi non ci stiamo, da anni ribadiamo l'esigenza di una forte governance regionale per ristrutturare il sistema di gestione dei rifiuti nell'isola. L'assessore regionale Contraffatto ha iniziato un percorso condivisibile ma è necessaria un energico intervento nei confronti di coloro che sembrano ostacolare questo percorso in ogni singola vertenza”.

Vincenzo Ganci

© Riproduzione riservata

Tags: ato - lavoratori - fallimento - politica - sindaci - fit cisl - dionisio giordano -

Notizie correlate:
- 11/01/2015  Dipendenti dell’Ato Pa2, ora si decide: i dipendenti verso la Srr
- 31/10/2014  Monreale, l’Ato è insolvente: ricorso in appello. Terzo: “Sentenza strana”
- 11/09/2013 30 settembre chiude l´Ato, ed i dipendenti che fine faranno?

Ottica Nuova Visione Monreale
COMMENTI




















Testata Giornalistica Registrata - Autorizzazione del Tribunale di Palermo N. 621/2013
Direttore Responsabile Giorgio Vaiana - Condirettore Responsabile Michele Ferraro

Versione Mobile - Disclaimer - Pubblicità - Privacy - Scriveteci
© 2019 - Migi Press Snc - vincenzoganci.com - Codice Sorgente di Fp Web