Dal tuo Comune Monreale Palermo Alcamo Altofonte Bagheria Balestrate Belmonte Mezzagno Borgetto Camporeale Carini Casteldaccia Castellammare Castelluzzo Cefalù Cinisi Corleone Partinico Piana degli Albanesi San Cipirello San Giuseppe Jato San Vito Lo Capo Santa Cristina Gela Termini Imerese Terrasini Trabia
Facebook Page Twitter Google Plus YouTube Rss

Home Cronaca Politica Sport Eventi Palermo Regione Italia Mondo

Spazio Vitale
 
 

13/05/2013 

Italia

Premio nazionale di giornalismo giudiziario, vince una siciliana

Premio nazionale di giornalismo giudiziario, vince una siciliana Stampa

Clelia Passafiume, 25 anni di Palermo, ha vinto la prima edizione del riconoscimento intitolato a Domenico Calabrò, caposervizio della Gazzetta del Sud

La giornalista Clelia Passafiume ha vinto la prima edizione del “Premio nazionale di giornalismo giudiziario Domenico Calabrò”. La cerimonia di premiazione, presentata dalla conduttrice del tg5 Costanza Calabrese, si è svolta ieri domenica 12 maggio nella suggestiva cornice del prestigioso teatro Sangiorgi di Catania. Clelia, 25 anni nata a Palermo, ma ormai stabilmente a Milano per lavoro, conquista il suo terzo importante riconoscimento, nonostante la giovane età. Ha già vinto, infatti, nel novembre 2011 il “Premio Internazionale di Giornalismo Maria Grazia Cutuli” e nel settembre 2012 quello dedicato a Norman Zarcone. Nel suo lavoro, che ha ottenuto il punteggio massimo di 10/10, Clelia ha raccontato del rapporto mafia/politica/giornalismo, ricostruendone le varie storie, partendo dalla prima intimidazione che ha subito il mondo del giornalismo da parte della mafia nel 1958. Nel ricevere il premio dalle mani del giornalista di Ballarò (Rai 3) Francesco Neri, Clelia ha ringraziato i suoi grandi maestri, Riccardo Arena, relatore della sua pluripremiata tesi oggi presidente dell’ordine dei giornalisti Sicilia e Franco Nicastro (Ex vicedirettore dell’Ora), suo primo direttore. Gli altri vincitori sono stati Giovanni Tizian, cronista sotto scorta per le sue inchieste sull’ndrangheta, Fabio Isman famoso inchiestista, Giuseppe Lo Bianco, prestigiosa penna de Il fatto Quotidiano. Sono intervenuti il presidente nazionale dell’ordine dei giornalisti Enzo Iacopino, il procuratore capo della Repubblica di Salerno Franco Roberti, i sostituti procuratori presso la Dda di Napoli Catello Maresca e Giovanni Conzo ed il presidente del premio Massimo Scuderi. La serata è stata allietata dalla corale dell’associazione nazionale della polizia di Stato, diretta dal maestro Mauro Grimaudo.

La Redazione

© Riproduzione riservata

Tags: premio nazionale di giornalismo giudiziario - domenico calabrò - vince - siciliana - clelia passafiume

Ottica Nuova Visione Monreale
COMMENTI




















Testata Giornalistica Registrata - Autorizzazione del Tribunale di Palermo N. 621/2013
Direttore Responsabile Giorgio Vaiana - Condirettore Responsabile Michele Ferraro

Versione Mobile - Disclaimer - Pubblicità - Privacy - Scriveteci
© 2018 - Migi Press Snc - vincenzoganci.com - Codice Sorgente di Fp Web