Dal tuo Comune Monreale Palermo Alcamo Altofonte Bagheria Balestrate Belmonte Mezzagno Borgetto Camporeale Carini Casteldaccia Castellammare Castelluzzo Cefalù Cinisi Corleone Partinico Piana degli Albanesi San Cipirello San Giuseppe Jato San Vito Lo Capo Santa Cristina Gela Termini Imerese Terrasini Trabia
Facebook Page Twitter Google Plus YouTube Rss

Home Cronaca Politica Sport Eventi Palermo Regione Italia Mondo

Spazio Vitale
 
 

03/03/2015 Palermo

Palermo

Palermo, un cantiere chiuso e sanzioni per 40 mila euro, operazione dei carabinieri

Palermo, un cantiere chiuso e sanzioni per 40 mila euro, operazione dei carabinieri Stampa

Controlli a tappeto in città per il Nucleo Ispettorato del Lavoro

Controlli a tappeto dei carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro e degli Ispettori Civili del Lavoro, nei cantieri della città, hanno portato alla chiusura di un cantiere e sanzioni per 40 mila euro nei confronti di due imprenditori. Tre i lavoratori in nero scoperti.

Nel primo cantiere in via Toselli, i militari hanno riscontrato una totale assenza di regolarità, mancanza della visita medica nei confronti dei lavoratori dipendenti; mancata formazione; nessuna valutazione del rischio elettrico nel cantiere; omessa redazione del Piano Operativo di Sicurezza e del Piano di Montaggio di Uso e Smontaggio; nessuna cautela per le buche e le sporgenze presenti nella zona di lavorazione; assenza della recinzione e delle opere provvisionali; assenza nella parte interna di montanti, correnti e tavole fermapiede; mancata elaborazione del piano demolizioni.

"Insomma - spiegano i carabinieri - un cantiere senza alcuna cautela e in cui un malinteso senso del risparmio aveva portato all’eliminazione di qualsiasi regola basilare di sicurezza, rafforzato dalla presenza di due lavoratori “in nero” su 2 presenti. Fatto che comportava all’imprenditore edile sia la sospensione dell’attività imprenditoriale che il deferimento alla locale Procura della Repubblica. Oltre alla multa di 1950 euro, dovrà pagare 4000 euro di maxi sanzione per ogni lavoratore in nero e sanzioni amministrative per quasi 11 mila euro".

Nel secondo caso, nel centro città, emergevano invece: la mancata visita medica degli operai; la mancata formazione degli stessi; l’assenza del responsabile del servizio prevenzione e protezione, con un lavoratore in “nero”, mentre all’imprenditore è stato sanzionato per oltre 25 mila euro, e deferito alla Procura della Repubblica.

"Anche in questi due casi - continuano i militari - si conferma che l’edilizia è un settore in cui tanti imprenditori lavorano correttamente nella indiscussa difficoltà dettata dall’odierna congiuntura economica del Paese, ma altrettanti lavorano nella speranza di svicolare fra le maglie dei controlli. Così facendo i Carabinieri continuano a scoprire lavoro nero ed il contrasto di questo fenomeno rimane uno dei principali obiettivi istituzionali, perché è inaccettabile che per abbattere costi di lavorazione, si rischi l’integrità fisica di lavoratori la cui unica risorsa in tempi così difficili è proprio la loro capacità di lavorare".

Infatti se lavorano in nero e incorrono in infortuni, questi non vengono né denunciati, né risarciti, né intervengono forme di previdenza se il lavoro non è dichiarato. Si lavora nella speranza e nella certezza che questi concetti divengano prevalenti e che i lavoratori stessi prendano sempre maggiore coscienza dei loro doveri e diritti.

La Redazione

© Riproduzione riservata

Tags: palermo - carabinieri - ispettorato - lavoro - cantieri - edilizia - lavoratori - sanzioni -

Notizie correlate:
- 03/03/2015  "Palermo Welcome": grande successo di partecipazione e creatività
- 03/03/2015  Palermo, ai Cantieri Culturali alla Zisa le guide turistiche per bambini
- 03/03/2015  Il prefetto di Palermo Cannizzo, riceve una rappresentanza dell'Anps di Monreale
- 03/03/2015  Palermo, tram: iniziano i primi test per la verifica del carico elettrico
- 03/03/2015  Palermo, Bellolampo pronta ad accettare i conferimenti dei comuni del comprensorio

Ottica Nuova Visione Monreale
COMMENTI




















Testata Giornalistica Registrata - Autorizzazione del Tribunale di Palermo N. 621/2013
Direttore Responsabile Giorgio Vaiana - Condirettore Responsabile Michele Ferraro

Versione Mobile - Disclaimer - Pubblicità - Privacy - Scriveteci
© 2019 - Migi Press Snc - vincenzoganci.com - Codice Sorgente di Fp Web