Dal tuo Comune Monreale Palermo Alcamo Altofonte Bagheria Balestrate Belmonte Mezzagno Borgetto Camporeale Carini Casteldaccia Castellammare Castelluzzo Cefalù Cinisi Corleone Partinico Piana degli Albanesi San Cipirello San Giuseppe Jato San Vito Lo Capo Santa Cristina Gela Termini Imerese Terrasini Trabia
Facebook Page Twitter Google Plus YouTube Rss

Home Cronaca Politica Sport Eventi Palermo Regione Italia Mondo

Spazio Vitale
 
 

20/12/2015 Palermo

Eventi

Palermo, successo per Quattru Mura al teatro Finocchiaro

Palermo, successo per Quattru Mura al teatro Finocchiaro Stampa

"Un racconto surreale pieno di battute comiche, taglienti e rudi al tempo stesso"

Le risate, la riflessione, la rassegnazione, la speranza, la redenzione e tanto altro. Questi i sentimenti e le molteplici emozioni contrastanti di Quattru Mura, firmato da Maurizio Bologna, uno degli attori palermitani in ascesa anche in ambito nazionale, e dai Liolì andato in scena nella cornice Liberty del Teatro Finocchiaro di Palermo venerdì 18 dicembre.

Quattru Mura vede protagonisti tre carcerati per vari reati che scontano la loro pena in una cella del carcere Ucciardone. Ne nasce un racconto surreale, intriso di tante battute comiche, taglienti e rudi al tempo stesso ma al tempo stesso profondo grazie ad alcuni flashback toccanti ed in grado di fare riflettere lo spettatore. I protagonisti ricordano i loro trascorsi da uomini liberi. Mimmo (Maurizio Bologna) rappresenta se stesso, Aspano (Gaspare Sanzo) rievoca un incontro ravvicinato con la Morte stessa e ricorda i tempi in cui ci vedeva, e Poco Poco (Salvo Cambria) è il nuovo arrivato ed il più “affamato” e desideroso di libertà persa davvero da poco tempo.

Ognuno ha i propri segreti, le proprie paure, le proprie colpe, i propri desideri messi a nudo dall'arrivo surreale del Genio di Palermo (Massimo D'Anna) che come una coscienza tonante parla di quanto male loro abbiano fatto non solo a se stessi ma a Palermo, la loro tanto amata città, mutata profondamente nel corso degli anni della loro permanenza in carcere.

Divertenti le gag (che rievocano le influenze di alcuni lavori di Alamia e Sperandeo), ingentilite anche dalle voci fuori campo della mamma di Poco Poco (Rosalba Bologna) e di Stella, sorella di Mimmo (Katiuska Falbo), che offrono e dipingono una figura quasi romantica degli “ospiti” di queste quattro mura (il carcere). Gente rude ma al tempo stesso semplice e finita in carcere vittima di un destino spesso infame e più grande dei protagonisti che come la stragrande maggioranza delle persone che ha sbagliato avrebbe forse diritto ad una nuova possibilità.

Toccanti i monologhi dei protagonisti perché narrano argomenti difficili, molto seri e delicati, trattati sapientemente da un testo molto convincente e dalla ottima interpretazione degli attori capaci di offrire vere emozioni in palcoscenico. I minuti di applausi finali sono il giusto tributo ad un lavoro che andrebbe proposto anche alle scolaresche viste le tematiche ed il modo in cui vengono affrontate.

Edoardo Ullo

© Riproduzione riservata

Tags: palermo - eventi - teatro - opera - attore - maurizio bologna - pubblico - racconto - ucciardone - carcerati -

Notizie correlate:
- 20/12/2015  Scossa di terremoto nel palermitano, avvertita anche a Monreale
- 19/12/2015  Palermo, "Sentinelle" la nuova scuola siciliana: mostra collettiva di pittura a Villa Favaloro
- 19/12/2015  Palermo, la Fanfara dei Carabinieri in piazza Verdi
- 18/12/2015  Il nuovo comandante "Culqualber" dei Carabinieri Silvio Ghiselli in visita a Palermo
- 18/12/2015  A Palermo continuano gli sforamenti dei livelli d’inquinamento

Ottica Nuova Visione Monreale
COMMENTI




















Testata Giornalistica Registrata - Autorizzazione del Tribunale di Palermo N. 621/2013
Direttore Responsabile Giorgio Vaiana - Condirettore Responsabile Michele Ferraro

Versione Mobile - Disclaimer - Pubblicità - Privacy - Scriveteci
© 2018 - Migi Press Snc - vincenzoganci.com - Codice Sorgente di Fp Web