Dal tuo Comune Monreale Palermo Alcamo Altofonte Bagheria Balestrate Belmonte Mezzagno Borgetto Camporeale Carini Casteldaccia Castellammare Castelluzzo Cefalù Cinisi Corleone Partinico Piana degli Albanesi San Cipirello San Giuseppe Jato San Vito Lo Capo Santa Cristina Gela Termini Imerese Terrasini Trabia
Facebook Page Twitter Google Plus YouTube Rss

Home Cronaca Politica Sport Eventi Palermo Regione Italia Mondo

Spazio Vitale
 
 

26/02/2014 Palermo

Palermo

Palermo, polemiche sulla linea 3 del tram. Legambiente si rivolge alla Procura

Palermo, polemiche sulla linea 3 del tram. Legambiente si rivolge alla Procura Stampa

Il presidente Zanna: "Desideriamo sapere se questi lavori, nei pressi di palazzo dello Scibene, siano stati autorizzati"

Legambiente Sicilia ha presentato stamane un esposto alla Procura della Repubblica di Palermo ipotizzando che, per la realizzazione della terza linea tramviaria a Palermo, che unirà via Notarbartolo con corso Calatafimi, si stiamo facendo dei lavori abusivi e non autorizzati nell’area del Palazzo dello Scibene, il monumento del XII secolo, testimonianza di grande rilievo dell’architettura arabo-normanna.
Lo Scibene, con un’ampia area di rispetto, è tutelato dal 1991, con un vincolo di inedificabilità assoluta. L’area è stata, tra l’altro, recentemente posta sotto sequestro dal Nucleo Tutela dei Vigili Urbani di Palermo.

Gianfranco Zanna, direttore regionale di Legambiente Sicilia: “Nel ribadire la totale inutilità di quest’opera, che realizzerà un tram che nessuno prenderà mai, a maggior ragione considerato che è un binario unico, non possiamo anche accettare, oltre al danno, la beffa della definitiva distruzione di quello che era il parco del Genoardo, mortificando ulteriormente un monumento importante e significativo, delicato e ormai drammaticamente quasi distrutto del tutto. Non riusciamo a capire –
continua Zanna - chi possa avere autorizzato, se sono mai stati autorizzati, dei lavori in un’area vincolata, dove è impedita qualsiasi modifica e/o intervento. Invece di continuare a umiliare lo Scibene, con la costruzione dei piloni del sovrappasso che gli stanno sorgendo davanti e che si potevano comunque spostare un po’ più avanti, tutte le Istituzioni, a partire dal Comune e dalla Soprintendenza ai Beni culturali, si dovrebbero impegnare a togliere dalle mani dei privati il sito e salvarlo dall’abbandono e dal degrado in cui si trova. Avremmo detto queste cose all’incontro che l’Assessore Barbera si era impegnato a convocare dopo il sopralluogo fatto congiuntamente il 30 gennaio scorso e che stiamo ancora aspettando da un mese. Come ultima ratio ci siamo rivolti alla magistratura. Speriamo che almeno essa possa fare un po’ di chiarezza sulla vicenda”.

La Redazione

© Riproduzione riservata

Tags: legambiente - sicilia - gianfranco zanna - scrive - procura - lavori - linea 3 - tram - palazzo dello scibene

Notizie correlate:
- 21/02/2014  La Sicilia "regina" degli abusi edilizi

Ottica Nuova Visione Monreale
COMMENTI




















Testata Giornalistica Registrata - Autorizzazione del Tribunale di Palermo N. 621/2013
Direttore Responsabile Giorgio Vaiana - Condirettore Responsabile Michele Ferraro

Versione Mobile - Disclaimer - Pubblicità - Privacy - Scriveteci
© 2019 - Migi Press Snc - vincenzoganci.com - Codice Sorgente di Fp Web