Dal tuo Comune Monreale Palermo Alcamo Altofonte Bagheria Balestrate Belmonte Mezzagno Borgetto Camporeale Carini Casteldaccia Castellammare Castelluzzo Cefalù Cinisi Corleone Partinico Piana degli Albanesi San Cipirello San Giuseppe Jato San Vito Lo Capo Santa Cristina Gela Termini Imerese Terrasini Trabia
Facebook Page Twitter Google Plus YouTube Rss

Home Cronaca Politica Sport Eventi Palermo Regione Italia Mondo

Spazio Vitale
 
 

27/06/2015 Palermo

Palermo

Palermo, maxi truffa al servizio antincendio boschivo: sequestro da 12 milioni di euro

Palermo, maxi truffa al servizio antincendio boschivo: sequestro da 12 milioni di euro Stampa

Quattro le aziende nel mirino della Guardia di Finanza

Il Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Palermo, al termine di un'indagine che ha consentito di svelare una colossale truffa ai danni dell’Assessorato Regionale Territorio e Ambiente nell’affidamento e svolgimento del servizio di antincendio boschivo della Regione Siciliana, sta eseguendo, su tutto il territorio nazionale, una vasta serie di sequestri nei confronti degli amministratori pro tempore delle società Heliwest s.r.l., Elifriulia s.r.l., Elitellina s.r.l. ed Elimediterranea s.p.a., resisi responsabili dei reati di truffa aggravata a danno dello Stato, falsità in atto pubblico, turbata libertà degli incanti, inadempimenti di contratti di pubbliche forniture.

“L’attività investigativa svolta - spiegano dal comando - anche con il contributo del Corpo Forestale della Regione Siciliana, e coordinata dalla Procura della Repubblica di Palermo, con il Procuratore Capo Francesco Lo Voi; il Procuratore aggiunto Leonardo Agueci e del Sostituto Maria Forti, ha in primis  permesso di accertare la fraudolenta aggiudicazione dell’appalto concernente il servizio antincendio alle quattro società, riunitesi in un’Associazione Temporanea di Imprese”.

Infatti, l’A.T.I. ha attestato di avere la disponibilità di personale di volo e tecnico in realtà inesistente e ha dichiarato di poter effettivamente impiegare due elicotteri bimotore che, invece, erano già impegnati in altri servizi presso diverse Regioni italiane. Tale dichiarazione è risultata determinante per la partecipazione alla gara e, quindi, per la sua aggiudicazione, considerato che l’A.T.I. in questione è risultata l’unica partecipante alla stessa, in ragione dei requisiti particolarmente stringenti richiesti ad hoc dal relativo bando. In questo modo, le società coinvolte hanno potuto assicurarsi un appalto milionario a danno delle casse regionali.

La truffa, ha riguardato anche la materiale esecuzione del servizio, comportando ripetuti inadempimenti del contratto d’appalto. Non avendo, difatti, un’adeguata disponibilità di tecnici e piloti, diversamente da quanto dichiarato, l’A.T.I. ha dovuto falsificare la rendicontazione dei turni di servizio svolti dal personale. “E’ stata fatta fittiziamente figurare – continuano le Fiamme Gialle - la presenza di addetti al servizio antincendio presso le nove basi dislocate in Sicilia che, in realtà, risultavano fruire presso altre Regioni italiane di turni di riposo, con la conseguenza che il dispositivo di intervento veniva di fatto occultamente assicurato dai pochi tecnici e piloti realmente presenti, costretti a garantire più ore di presenza al lavoro di quelle dovute, in dispregio alle disposizioni emanate dall’ENAC in materia di limiti di volo”.

La mancanza di tecnici si è, peraltro, negativamente riflessa sul regolare utilizzo dei velivoli, in quanto non ha reso possibile la prevista effettuazione delle manutenzioni giornaliere, determinando talvolta l’impossibilità di impiegare gli elicotteri a disposizione. Circostanze queste nelle quali, per non incorrere nelle onerose penali previste in caso di indisponibilità degli elicotteri, gli indagati si sono resi responsabili di ulteriori gravi comportamenti fraudolenti culminati, in caso di richiesta di intervento, simulando improvvise avarie che avrebbero costretto gli aeromobili, a rientrare alla base.

“Al di là delle falsificazioni – concludono i finanzieri -, è di tutta evidenza come gli illeciti commessi abbiano messo a serio repentaglio la sicurezza dei voli e, parallelamente, l’integrità del patrimonio boschivo siciliano.

Il Giudice per le indagini preliminari ha emesso, su richiesta della Procura della  Repubblica, un’ordinanza di sequestro preventivo per equivalente nei confronti delle quattro società costituenti l’A.T.I. e dei relativi rappresentanti legali, finalizzata a colpire i beni nella loro disponibilità per un valore pari a 12 milioni e 519 mila euro.

A finire sotto sequestro sono stati l’intero capitale sociale, gli immobili le attrezzature aziendali ed alcuni aeromobili delle società coinvolte nonché le somme, in corso di quantificazione, depositate sui numerosi conti correnti nella disponibilità degli indagati e delle società stesse. Le indagini proseguono per il completo accertamento delle responsabilità.

La Redazione

© Riproduzione riservata

Tags: palermo - guardia di finanza - truffa - servizio - antincendio - boschi - sequestro - indagini - elicotteri - regione - sicilia -

Notizie correlate:
- 27/06/2015  Palermo, due giorni di musica nell'atrio dello Spasimo con la fondazione Brass Group
- 26/06/2015  Palermo, il comune revoca l'appalto del Festino a Federteatri: assegnato all'Ati
- 26/06/2015  Foto osé con minori nel pc dell’ex vescovo Miccichè
- 26/06/2015  Sorpreso a rubare tavolini da un bar, arrestato un monrealese
- 25/06/2015  "Conigliera" chiusa ad oltranza. Residenti e commercianti protestano

Ottica Nuova Visione Monreale
COMMENTI




















Testata Giornalistica Registrata - Autorizzazione del Tribunale di Palermo N. 621/2013
Direttore Responsabile Giorgio Vaiana - Condirettore Responsabile Michele Ferraro

Versione Mobile - Disclaimer - Pubblicità - Privacy - Scriveteci
© 2019 - Migi Press Snc - vincenzoganci.com - Codice Sorgente di Fp Web