Dal tuo Comune Monreale Palermo Alcamo Altofonte Bagheria Balestrate Belmonte Mezzagno Borgetto Camporeale Carini Casteldaccia Castellammare Castelluzzo Cefalù Cinisi Corleone Partinico Piana degli Albanesi San Cipirello San Giuseppe Jato San Vito Lo Capo Santa Cristina Gela Termini Imerese Terrasini Trabia
Facebook Page Twitter Google Plus YouTube Rss

Home Cronaca Politica Sport Eventi Palermo Regione Italia Mondo

Spazio Vitale
 
 

07/05/2015 Palermo

Palermo

Palermo, mafia: maxi sequestro da 800 milioni di euro all'ex deputato Acanto

Palermo, mafia: maxi sequestro da 800 milioni di euro all'ex deputato Acanto Stampa

Sarebbe vicino alla famiglia mafiosa di Villabate

La Direzione Investigativa Antimafia di Palermo ha proceduto al sequestro dei beni mobili e immobili, rapporti bancari, intero capitale sociale e relativo compendio di numerose aziende, di pertinenza del ragioniere commercialista ed ex deputato regionale Giuseppe Acanto, 55enne di Villabate (PA).

La misura di prevenzione patrimoniale, che trae origine da una proposta del Direttore della Dia, è stata emessa dal Tribunale di Palermo - Sezione Misure di Prevenzione, dal presidente Silvana Saguto.

Le indagini economico-patrimoniali degli investigatori della Dia palermitana, effettuate d’intesa con il Procuratore Aggiunto Bernardo Petralia, coordinatore del “Gruppo Misure di Prevenzione” della Procura Distrettuale Antimafia, hanno permesso di accertare che Acanto, mediante il controllo di numerose aziende, ha posto in essere comportamenti nei quali è stata riscontrata l’appartenenza ad una associazione mafiosa. Il sintomo della gestione occulta è emerso quando presso il suo studio commerciale sono state rintracciate le scritture contabili sia di aziende operanti presso il mercato ortofrutticolo palermitano (già sequestrato dalla Dia nel febbraio 2014), sia di società riconducibili a indiziati mafiosi, come Antonino Mandalà, Giovanni D'Agati ed altri, facenti parte della “famiglia” di Villabate (PA).

Proprio appartenenti ai Mandalà hanno gestito, sotto vari aspetti, il viaggio a Marsiglia dell’allora latitante Bernardo Provenzano. Già in passato, è emersa la posizione di rilievo assunta dall’Acanto, sia per la sua nomina a direttore del mercato ortofrutticolo del comune di Villabate, poi sequestrato, sia per la sua candidatura alle elezioni dell’Assemblea Regionale Siciliana del 2001, dove, con il sostegno della citata “famiglia” risultò il primo dei non eletti, salvo subentrare nel 2004 a un suo collega di schieramento, nel frattempo arrestato.

L’ingentissimo sequestro effettuato dagli uomini della Dia, del valore di circa 800 milioni di euro, ha riguardato numerosi beni mobili e immobili, tra cui autovetture, rapporti bancari e finanziari, appartamenti e ville, nonché il capitale sociale e tutto il compendio aziendale di 25 società operanti nei settori dell’edilizia, del commercio all’ingrosso di prodotti ortofrutticoli, dei servizi, della vendita di prodotti petroliferi, direttamente gestite dal commercialista o tramite terze persone.

La Redazione

© Riproduzione riservata

Tags: palermo - polizia - mafia - sequestro - villabate - aziende - società -

Notizie correlate:
- 07/05/2015  Palermo, Rap adotta la Kalsa nella giornata "Let's Clean up Europe"
- 07/05/2015  Definito il percorso della 99° Targa Florio
- 06/05/2015  Palermo, arriva il CycloPride 2015. Le limitazioni al traffico
- 06/05/2015  Palermo, lavori del tram: riapre via Pollaci
- 06/05/2015  La polizia sequestra altri beni per 800 mila euro al monrealese Paolo Giambruno

Ottica Nuova Visione Monreale
COMMENTI




















Testata Giornalistica Registrata - Autorizzazione del Tribunale di Palermo N. 621/2013
Direttore Responsabile Giorgio Vaiana - Condirettore Responsabile Michele Ferraro

Versione Mobile - Disclaimer - Pubblicità - Privacy - Scriveteci
© 2018 - Migi Press Snc - vincenzoganci.com - Codice Sorgente di Fp Web