Dal tuo Comune Monreale Palermo Alcamo Altofonte Bagheria Balestrate Belmonte Mezzagno Borgetto Camporeale Carini Casteldaccia Castellammare Castelluzzo Cefalù Cinisi Corleone Partinico Piana degli Albanesi San Cipirello San Giuseppe Jato San Vito Lo Capo Santa Cristina Gela Termini Imerese Terrasini Trabia
Facebook Page Twitter Google Plus YouTube Rss

Home Cronaca Politica Sport Eventi Palermo Regione Italia Mondo

Spazio Vitale
 
 

13/01/2015 Palermo

Palermo

Palermo, la prima nazionale de "L'onorevole" al Teatro Biondo

Palermo, la prima nazionale de "L'onorevole" al Teatro Biondo Stampa

Lo spettacolo è prodotto dal Teatro Biondo ed Emilia Romagna Teatro Fondazione

“L’onorevole” di Sciascia, diretto dai registi e attori Enzo Vetrano e Stefano Randisi porta in scena la caduta morale di un uomo, il professor Frangipane, che prima di candidarsi alle elezioni politiche nazionali era l’emblema dell’integrità morale e culturale per la sua famiglia e per tutta la città.

I successi alle elezioni aumentano col passare degli anni e l’equilibrio esemplare della famiglia Frangipane, prima inscrivibile in un cerchio perfetto, comincia a deformarsi prendendo le sembianze di una macchia d’inchiostro sulla camicia bianca del candidato.

Non stupisce certo il cambiamento di chi conquista il potere, visibile al pubblico anche grazie alle scene e ai costumi di Mela Dell’Erba e al creativo uso delle luci e delle ombre di Max Mugnai. Il professore divenuto onorevole, Enzo Vetrano, si veste come un deputato, parla il politichese e allarga le braccia in segno di vittoria tra le mura di una casa che si dilatano come la macchia d’inchiostro del suo potere.

È Fofò, il fidanzato poi marito di Francesca Frangipane, la figlia del professore, l’emblema della caduta morale. Il giovane, interpretato da Angelo Campolo, che si dichiara comunista ma che alla prima vittoria dell’onorevole indossa la cravatta del potere e la stringe inforca gli occhiali e gioisce della sconfitta dei suoi compagni.

Donna Assunta, Laura Marinoni, è la moglie del professore, ancorata all’integrità morale di un tempo e spaventata dalle conseguenze di ricchezza specchio dell’illecito. Assunta Impara a memoria il Don Chisciotte il libro che leggeva sempre Frangipane e lo recita al marito per risvegliare la sua coscienza e salvarlo dalla valigia che lei stessa ha preparato per il carcere, certa che questo sia dietro l’angolo.

Ad essere risvegliato è invece il pubblico con un finale a sorpresa. Don Giovannino Scimeni, Giovanni Moschella, abbandonati i panni del mafioso di provincia e in un abito scuro illuminato dalle luci azzurre del cabaret, annuncia la salvezza, in una condanna al successo che copre di porporina luccicante tutti i peccati.

Lo spettacolo, prodotto dal Teatro Biondo Stabile di Palermo ed Emilia Romagna Teatro Fondazione, in collaborazione con Diablogues Compagnia Vetrano/Randisi andrà in scena al Teatro Biondo Stabile di Palermo fino a domenica 18 gennaio.

Agnese Ferraro

© Riproduzione riservata

Tags: palermo - teatro - biondo - leonardo sciascia - emilia romagna - fondazione - enzo vetrano - stefano randisi - regia -

Notizie correlate:
- 13/01/2015  Palermo, "Giornata del merito" in onore di Norman Zarcone
- 13/01/2015  Palermo, sorpresa in casa mentre confeziona droga, arrestata dai carabinieri
- 13/01/2015  Palermo, un numero di telefono per segnalare danneggiamenti e furti al patrimonio pubblico
- 13/01/2015  Mafia, maxiconfisca della guardia di finanza ad un 79enne
- 12/01/2015  Pallavolo, l'US Volley Palermo conquista solo un punto tra le vette madonite

Ottica Nuova Visione Monreale
COMMENTI




















Testata Giornalistica Registrata - Autorizzazione del Tribunale di Palermo N. 621/2013
Direttore Responsabile Giorgio Vaiana - Condirettore Responsabile Michele Ferraro

Versione Mobile - Disclaimer - Pubblicità - Privacy - Scriveteci
© 2019 - Migi Press Snc - vincenzoganci.com - Codice Sorgente di Fp Web