Dal tuo Comune Monreale Palermo Alcamo Altofonte Bagheria Balestrate Belmonte Mezzagno Borgetto Camporeale Carini Casteldaccia Castellammare Castelluzzo Cefalù Cinisi Corleone Partinico Piana degli Albanesi San Cipirello San Giuseppe Jato San Vito Lo Capo Santa Cristina Gela Termini Imerese Terrasini Trabia
Facebook Page Twitter Google Plus YouTube Rss

Home Cronaca Politica Sport Eventi Palermo Regione Italia Mondo

Spazio Vitale
 
 

27/11/2014 Palermo

Regione

Palermo, il crac da 35 milioni di euro della Ibs Forex, Moncada e La Colla: "Che fa la Provincia?"

Palermo, il crac da 35 milioni di euro della Ibs Forex, Moncada e La Colla: "Che fa la Provincia?" Stampa

I due erano nella commissione di inchiesta. Dopo la sentenza della Corte dei Conti, chiedono spiegazioni

Un crac da 35 milioni di euro, soldi destinati a opere pubbliche finanziate con prestiti obbligazionari e in realtà impropriamente affidati dalla Provincia di Palermo a una società finanziaria di Como che è poi sparita nel nulla. A cinque anni dalla consegna della relazione da parte della commissione speciale d'indagine sul caso Ibs Forex che ha fatto luce sull'ammanco di 35 milioni, la Provincia continua a restituire le somme per i prestiti contratti, mentre i responsabili sono ancora tra i ranghi dirigenziali dell'amministrazione di Palazzo Comitini. Una truffa andata in scena quando presidente della Provincia era Francesco Musotto, direttore generale - con "potere di firma e piena autonomia in materia finanziaria" secondo quanto dichiarato da Musotto - era Antonino Caruso, fratello dell'ex Prefetto Giuseppe e ragioniere generale, Massimo Bonomo. L’inopportunità della permanenza sia di Caruso che di Bonomo era stata sollecitata dalla commissione d’indagine, il giorno dopo il suo insediamento ma, a cinque anni di distanza, nulla è cambiato. Caruso, allo scoppio del caso, rassegnò le dimissioni da direttore generale salvo essere reinserito immediatamente dopo nei ranghi dirigenziali dall'allora presidente Avanti (a fine 2012 Caruso è stato nominato a capo della direzione Patrimonio, passando dai 37mila euro del settore Opere pubbliche in campo ambientale ai 51mila euro, con un aumento di quasi 14mila euro in più l’anno). Una decisione che non ha mancato di far discutere vista la pesante condanna. Bonomo svolge tuttora la mansione di ragioniere generale. Oggi come allora, Silvio Moncada e Luisa La Colla, presidente e relatrice della commissione speciale d'indagine sul caso Ibs Forex e oggi esponenti politici Pd area Renzi, rispettivamente presidente della IV Circoscrizione e presidente della III Commissione consiliare del Comune di Palermo si chiedono: "Se vista la condanna della Corte dei Conti la provincia stia obbligando, nell’effettivo, l'ex direttore generale a restituire le somme e se non lo ha fatto, se non sia opportuno procedere al congelamento del Tfr o altre forme coattive di recupero del credito". " Il danno per l'ente provincia – continuano Moncada e La Colla - non è soltanto l'ammanco dei 35 milioni, ma equivale esattamente al doppio, considerando i prestiti contratti. Abbiamo grande fiducia nella magistratura e nel lavoro che sicuramente sta svolgendo tenendo presente che le persone coinvolte sono molteplici: oltre ai consiglieri di amministrazione e ai sindaci delle società fantasma, ha avuto un ruolo di primo piano anche il promotore finanziario, dottor Nicolò Xerra che ha agito per conto della Provincia non avendo alcun mandato istituzionale ma riscuotendo nel contempo laute commissioni. Tutto ciò lo abbiamo già scritto nella relazione della commissione – concludono - e le nostre considerazioni sono risultate essere in linea con quanto emerso nella relazione della parallela commissione tecnica composta da Salvatore Raimondi, Alberto Stagno D’Alcontres, Raffaele Bonsignore e Giuseppe Frisella”.

La Redazione

© Riproduzione riservata

Tags: crac - ibs forex - provincia di palermo - 35 milioni - euro - corte dei conti - sentenza - silvio moncada - luisa la colla

Ottica Nuova Visione Monreale
COMMENTI




















Testata Giornalistica Registrata - Autorizzazione del Tribunale di Palermo N. 621/2013
Direttore Responsabile Giorgio Vaiana - Condirettore Responsabile Michele Ferraro

Versione Mobile - Disclaimer - Pubblicità - Privacy - Scriveteci
© 2018 - Migi Press Snc - vincenzoganci.com - Codice Sorgente di Fp Web