Dal tuo Comune Monreale Palermo Alcamo Altofonte Bagheria Balestrate Belmonte Mezzagno Borgetto Camporeale Carini Casteldaccia Castellammare Castelluzzo Cefalù Cinisi Corleone Partinico Piana degli Albanesi San Cipirello San Giuseppe Jato San Vito Lo Capo Santa Cristina Gela Termini Imerese Terrasini Trabia
Facebook Page Twitter Google Plus YouTube Rss

Home Cronaca Politica Sport Eventi Palermo Regione Italia Mondo

Spazio Vitale
 
 

30/10/2015 Palermo

Palermo

Palermo, i bambini litigano per un pallone, i genitori concludono a pistolettate

Palermo, i bambini litigano per un pallone, i genitori concludono a pistolettate Stampa

E' successo ieri sera nel quartiere Zen

Un pregiudicato palermitano di 49 anni, Giuseppe Di Masi, è finito in manette per "detenzione e porto in luogo pubblico di arma da sparo". L’intervento, in massa, allo “Zen” dei poliziotti ha segnato, ieri notte, l’epilogo di un episodio, avvilente ed allarmante al tempo stesso, indicativo di una degenerazione dei costumi e dei comportamenti in uno dei quartieri più difficili del capoluogo.

Una banale lite tra alcuni bambini, ciò che altrove provocherebbe una semplice “reprimenda”, forse qualche scappellotto, allo Zen, diventa questione per adulti che litigano e vanno ben oltre l’esercizio abusivo delle proprie ragioni, impugnano pistole e risolvono il contenzioso con il sibilo delle pallottole. E’ quello che è accaduto ieri notte in via Rocky Marciano. Una sparatoria che è appendice di un litigio avvenuto nelle prime ore del pomeriggio tra alcuni ragazzini.

E’ bastato il rientro a casa, a tarda sera, del padre di uno dei bambini perché l’uomo concretizzasse la minaccia paventata dalla moglie, qualche ora prima: “appena torna me maritu vi fazzu sparari a tutti!”. E in effetti, una volta rincasato, l’uomo ha impugnato l’arma, dirigendosi verso il domicilio rivale e generando un vero e proprio  parapiglia, che ha coinvolto più membri dei due nuclei familiari. Durante la lite, è stato esploso un colpo d’arma da fuoco che, fortunatamente, ha colpito, soltanto di striscio, un componente della famiglia “avversa”.

Ad accogliere gli investigatori della Squadra Mobile, Sezione “Contrasto al Crimine Diffuso”, giunti allo Zen, una coltre di indifferenza. Gli agenti hanno trovato alcuni residenti intenti a lavare i vialoni del popoloso quartiere con acqua e sapone, nella speranza di cancellare ogni traccia di sangue. Nessuno ha voluto fornire particolari utili alla ricostruzione della sparatoria. I poliziotti hanno, però, ascoltato, decine di testimoni e, seppur dopo una lunga e laboriosa audizione, riscontrata dai rilievi condotti dal personale del Gabinetto Regionale di Polizia Scientifica, sono riusciti a venire a capo di quanto accaduto. Indagini sono in corso al fine di accertare ulteriori, eventuali, responsabilità.

La Redazione

© Riproduzione riservata

Tags: palermo - polizia - sparatoria - arresto - zen - famiglia - lite - bambini - pallone - via rocky marciano -

Notizie correlate:
- 30/10/2015  Topi e sporcizia, chiuso il plesso Michelangelo dell’istituto Rita Levi Montalcini di Palermo
- 29/10/2015  Palermo, al Finocchiaro un Hallowen Burlesque
- 29/10/2015  Palermo, tangenti e appalti truccati: in manette il presidente di Rfi
- 29/10/2015  Palermo, scoperti e sequestrati oltre 3 milioni di prodotti contraffatti
- 28/10/2015  Palermo, assalto al furgone dei monopoli di Stato, arrestati dopo un rocambolesco inseguimento

Ottica Nuova Visione Monreale
COMMENTI




















Testata Giornalistica Registrata - Autorizzazione del Tribunale di Palermo N. 621/2013
Direttore Responsabile Giorgio Vaiana - Condirettore Responsabile Michele Ferraro

Versione Mobile - Disclaimer - Pubblicità - Privacy - Scriveteci
© 2018 - Migi Press Snc - vincenzoganci.com - Codice Sorgente di Fp Web