Dal tuo Comune Monreale Palermo Alcamo Altofonte Bagheria Balestrate Belmonte Mezzagno Borgetto Camporeale Carini Casteldaccia Castellammare Castelluzzo Cefalù Cinisi Corleone Partinico Piana degli Albanesi San Cipirello San Giuseppe Jato San Vito Lo Capo Santa Cristina Gela Termini Imerese Terrasini Trabia
Facebook Page Twitter Google Plus YouTube Rss

Home Cronaca Politica Sport Eventi Palermo Regione Italia Mondo

Spazio Vitale
 
 

22/10/2014 Palermo

Palermo

Palermo, controlli dei carabinieri nei cantieri e nelle aziende: lavoratori in nero e violazioni

Palermo, controlli dei carabinieri nei cantieri e nelle aziende: lavoratori in nero e violazioni Stampa

Denuniciati penalmente due titolari

I Carabinieri del Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro e del Comando Provinciale di Palermo, nel corso dei primi venti giorni di ottobre, nell’ambito di servizi finalizzati al contrasto del fenomeno del lavoro nero prevalentemente presso diversificati esercizi commerciali e due società edili, d’intesa con il dirigente della Direzione Territoriale del Lavoro di Palermo, Michele Augugliaro, hanno sottoposto a controllo 16 aziende riscontrando in 10 di queste la presenza di 23 lavoratori privi di alcuna tutela assicurativa e previdenziale su 61 controllati: sono scattate pertanto le sospensioni amministrative delle attività poiché occupavano lavoratori “in nero” oltre la soglia del 20% negli esercizi commerciali e nel cantiere edile. I datori di lavoro hanno subito regolarizzate le posizioni delle maestranze, ottenendo quindi la revoca dei provvedimenti impeditivi all’esercizio delle attività previo il pagamento di 1.950 euro a testa.

Sono 2 le denunce penali in stato di libertà dei titolari di ditte edili ai quali sono state contestate le seguenti violazioni:

l’omessa nomina del coordinatore per la sicurezza, l’omessa nomina del medico competente, il non avere formato e informato i lavoratori sui rischi del cantiere, l’omessa consegna dei dispositivi individuali di protezione degli operai, il non avere utilizzato scale a norma con i previsti ancoraggi, non avere predisposto l’idoneo accesso al cantiere, il non avere predisposto idonee protezioni verso il vuoto, il distacco illecito di un lavoratore presso altra ditta, oltre all’impiego di lavoratori in nero, infine il cantiere veniva sottoposto a sequestro preventivo.

Le attività permettevano di:

  • comminare ammende per 73.941€;
  • contestare sanzioni amministrative per 175.450€;
  • recuperare contributi INPS per oltre 20.000€.

Contestualmente alla lotta al lavoro nero e alla sua emersione i Carabinieri di Palermo hanno puntato l’attenzione anche sull’uso non autorizzato di impianti di videosorveglianza. In 6 casi diversi, in città e provincia, è stato accertato l’uso non autorizzato di impianti di videosorveglianza che “possono essere installati soltanto previo accordo con le rappresentanze sindacali, ovvero, in difetto di accordo, su autorizzazione della Direzione Territoriale del Lavoro”. L’uso di questi impianti è uno strumento dei datori di lavoro per tenere alla larga i malintenzionati, ma talvolta anche un indebito espediente per controllare i propri dipendenti: questo collide con quanto stabilito appunto dallo Statuto dei Lavoratori e da quanto previsto dal Garante per la privacy che ne limita il campo di applicabilità. I responsabili sono stati deferiti alla Procura della Repubblica.  

Il lavoro certosino dell’Arma nella Tutela del Lavoro, tende a mantenere stabili le garanzie per i lavoratori e gli standard di osservanza delle leggi in materia di lavoro: spesso è un’azione mal sopportata dagli imprenditori inosservanti non solo delle garanzie volte alla tutela del lavoratore, ma inosservanti di ogni minima regola tributaria e contributiva che ne fanno spesso degli evasori totali in danno di coloro che invece osservano e rispettano le leggi dello Stato e la libera concorrenza. L’Arma rimane un presidio al servizio dei cittadini e dello Stato e finalizza ogni propria azione al perseguimento di questi obiettivi: cittadini e Stato.      

la Direzione Territoriale

La Redazione

© Riproduzione riservata

Tags: carabinieri - palermo - controlli - cantieri - esercizi commerciali - violazioni - denunce - titolari - lavoratori - nero

Notizie correlate:
- 22/10/2014  Monreale, cavi nascosti per alimentare la sua villa in maniera abusiva, arrestato
- 22/10/2014  Pioppo, avevano rubato dei computer al comprensivo, rinviati a giudizio due minorenni
- 20/10/2014  San Giuseppe, contatore "con il trucco" nell'officina, arrestato il titolare
- 18/10/2014  Monreale, nascondeva la droga nelle mutande, arrestato dai carabinieri
- 17/10/2014  Altavilla, svaligiava le abitazioni estive, arrestato dai carabinieri

Ottica Nuova Visione Monreale
COMMENTI




















Testata Giornalistica Registrata - Autorizzazione del Tribunale di Palermo N. 621/2013
Direttore Responsabile Giorgio Vaiana - Condirettore Responsabile Michele Ferraro

Versione Mobile - Disclaimer - Pubblicità - Privacy - Scriveteci
© 2018 - Migi Press Snc - vincenzoganci.com - Codice Sorgente di Fp Web