Dal tuo Comune Monreale Palermo Alcamo Altofonte Bagheria Balestrate Belmonte Mezzagno Borgetto Camporeale Carini Casteldaccia Castellammare Castelluzzo Cefalù Cinisi Corleone Partinico Piana degli Albanesi San Cipirello San Giuseppe Jato San Vito Lo Capo Santa Cristina Gela Termini Imerese Terrasini Trabia
Facebook Page Twitter Google Plus YouTube Rss

Home Cronaca Politica Sport Eventi Palermo Regione Italia Mondo

Spazio Vitale
 
 

16/07/2015 Palermo

Palermo

Palermo, caso Tutino: Crocetta si autosospende da presidente

Palermo, caso Tutino: Crocetta si autosospende da presidente Stampa

Dopo la frase shock su Lucia Borsellino

Il presidente della regione Rosario Crocetta si autosospende. L’incarico ad interim lo ha affidato al neo assessore Baldo Gucciardi. L’annuncio fatto all’Ansa direttamente dal Governatore, nel bel mezzo di una tempesta per la conversazione telefonica con il suo medico Matteo Tutino, l’ex primario di Villa Sofia arrestato per truffa, falso e peculato.

La frase shock che ha scatenato le polemiche, “Lucia Borsellino va fatta fuori, come suo padre”, come ha svelato L’Espresso, che avrebbe pronunciato il medico a Crocetta, che a sua volta non si sarebbe neanche scomposto, ma che a seguito delle polemiche di oggi, ha detto: “Non ho sentito questa frase, forse c’era una zona d’ombra”.

Una di quelle frasi, che riporta alla mente gli anni delle stragi di mafia e che ha provocato le contestazioni da parte dei politici che chiedono le dimissioni di Crocetta. Anche il premier Matteo Renzi ha telefonato all’ex assessore Lucia Borsellino per mostrarle la sua solidarietà, come anche il Ministro dell’Interno Angelino Alfano, che ha manifestato “sdegno, affettuosa vicinanza e solidarietà per quelle parole che pesano in modo gravissimo e incancellabile sulla coscienza di chi le ha pronunciate”.

Crocetta, dicono fonti all’Ars, sarà ascoltato dalla commissione regionale antimafia il prossimo mercoledì. “Questa vicenda - ha dichiarato Crocetta - è la cosa più terribile della mia vita. Voglio essere ascoltato dai magistrati. Adesso sono impegnato a difendere la mia onorabilità politica e a macerare la mia sofferenza in una vicenda che mi vede vittima. Dimettermi? Onestamente non voglio entrare nella querelle politica. Credo - aggiunge - di avere il diritto a essere lasciato in pace. Sto inviando una richiesta alla Procura di Palermo per avere un incontro con lo scopo di verificare la portata dell'intercettazione che riguarda Tutino. Prenderò la decisione finale nel giro di pochi giorni, dopo gli accertamenti. Ma quanto sta accadendo è più grave di un attentato fisico. Non intendo mettere la Sicilia - ha concluso - nella condizione di subire attacchi, non faccio pagare prezzi al popolo siciliano”.

La Redazione

© Riproduzione riservata

Tags: palermo - regione - sicilia - presidente - rosario crocetta - sospensione - incarico - assessore - baldo gucciardi - intercettazione - matteo tutino -

Notizie correlate:
- 16/07/2015  Palermo, "Poltrona in affitto" per i parrucchieri senza un'attività commerciale
- 16/07/2015  Palermo, falsi invalidi, truffa da 1 milione e mezzo di euro all'Inps
- 15/07/2015  Palermo, accoltella il figlio dopo una lite: arrestato dalla polizia
- 15/07/2015  Palermo, 391° Festino di Santa Rosalia, 250 mila gli spettatori
- 15/07/2015  Palermo, nuova sede per il commissariato  di Polizia "Porta Nuova"

Ottica Nuova Visione Monreale
COMMENTI




















Testata Giornalistica Registrata - Autorizzazione del Tribunale di Palermo N. 621/2013
Direttore Responsabile Giorgio Vaiana - Condirettore Responsabile Michele Ferraro

Versione Mobile - Disclaimer - Pubblicità - Privacy - Scriveteci
© 2018 - Migi Press Snc - vincenzoganci.com - Codice Sorgente di Fp Web