Dal tuo Comune Monreale Palermo Alcamo Altofonte Bagheria Balestrate Belmonte Mezzagno Borgetto Camporeale Carini Casteldaccia Castellammare Castelluzzo Cefalù Cinisi Corleone Partinico Piana degli Albanesi San Cipirello San Giuseppe Jato San Vito Lo Capo Santa Cristina Gela Termini Imerese Terrasini Trabia
Facebook Page Twitter Google Plus YouTube Rss

Home Cronaca Politica Sport Eventi Palermo Regione Italia Mondo

Spazio Vitale
 
 

18/07/2015 Monreale

Cronaca

Monreale ricorda il giudice Borsellino: ma non c'era nemmeno un cittadino

Monreale ricorda il giudice Borsellino: ma non c'era nemmeno un cittadino Stampa

Cerimonia brevissima: presenti solo le autorità civili

Una commemorazione “In famiglia” e brevissima. A piazza Inghilleri si commemora il giudice Paolo Borsellino, ucciso dalla mafia nella strage di via D’Amelio a Palermo il 19 luglio del 1992.

Borsellino fu pretore a Monreale per dieci anni circa e lavorò al fianco del capitano Emanuele Basile. Ma stamattina, Monreale ed i monrealesi sembrano essersi dimenticati del giudice. Alla commemorazione non era presente nessun cittadino. C’erano solo il sindaco Piero Capizzi, gli assessori Giuseppe Cangemi, Nadia Granà, Pippo Lo Coco, Sandro Russo, Nicola Taibi e Ignazio Zuccaro, il presidente del consiglio comunale Giuseppe Di Verde, il vicecomandante della polizia municipale Mario Cusimano, il comandante della stazione del carabinieri Gianluca De Venuto, il gruppo dei carabinieri in congedo, la sezione di Monreale ed i consiglieri comunali Mimmo Gelsomino, Manuela Quadrante e Giuseppe Guzzo. Poi nessun altro: nessuna alta carica dei Carabinieri né rappresentanti della Curia.

E forse il giudice Borsellino non si meritava di essere dimenticato così in fretta dai monrealesi…

 

IL COMMENTO DEL DIRETTORE

Stamattina la commemorazione al giudice Paolo Borsellino a Monreale a piazza Inghilleri ha regalato un’altra pagina, definiamola grigia, della storia del nostro Comune. Non c’era nessun cittadino presente alla cerimonia di commemorazione che, a onor del vero, è stata organizzata dal Comune, nel giorno sbagliato. La strage di via D’Amelio, infatti, è avvenuta il 19 luglio e non il 18. In piazza Inghilleri non abbiamo contato un solo monrealese. E lo scriviamo nell’articolo. Ma, leggendo i commenti sulla nostra pagina facebook, e riflettendo, i cittadini monrealesi hanno pienamente ragione: “Non siamo stati avvisati”, dicono. E, da questo punto di vista, hanno pienamente ragione. Il Comune non ha fatto un solo manifesto da mettere in piazza, o distribuire nei locali. Nessuno poteva sapere di questa cerimonia, che è rimasta “in famiglia”. Non si può solo fare affidamento sui giornali. Per questo la cerimonia è rimasta “in famiglia”. Forse, avvisando in tempo, avremmo visto molti monrealesi rendere omaggio al giudice Paolo. Che merita di essere ricordato nel migliore dei modi. 

Simone Marchese

© Riproduzione riservata

Tags: monreale - cerimonia - commemorazione - giudice - paolo borsellino - piazza - inghilleri - carabinieri - comandante - gianluca de venuto - sindaco - piero capizzi -

Gallery


Notizie correlate:
- 18/07/2015  Monreale, sequestrata dalla polizia municipale la galleria Cirba
- 18/07/2015  Monreale, un drone crea il panico. “Ci spia”. Invece è di un giovane pilota che lo collauda
- 17/07/2015  Monreale, fiamme a valle Corta, mezzi aerei in azione
- 17/07/2015  Monreale, via Torres è pericolosa. Ipotesi di una chiusura per motivi di sicurezza
- 17/07/2015  Monreale, iniziati i lavori per il ripristino della frana in via Regione Siciliana

Ottica Nuova Visione Monreale
COMMENTI




















Testata Giornalistica Registrata - Autorizzazione del Tribunale di Palermo N. 621/2013
Direttore Responsabile Giorgio Vaiana - Condirettore Responsabile Michele Ferraro

Versione Mobile - Disclaimer - Pubblicità - Privacy - Scriveteci
© 2019 - Migi Press Snc - vincenzoganci.com - Codice Sorgente di Fp Web