Dal tuo Comune Monreale Palermo Alcamo Altofonte Bagheria Balestrate Belmonte Mezzagno Borgetto Camporeale Carini Casteldaccia Castellammare Castelluzzo Cefalù Cinisi Corleone Partinico Piana degli Albanesi San Cipirello San Giuseppe Jato San Vito Lo Capo Santa Cristina Gela Termini Imerese Terrasini Trabia
Facebook Page Twitter Google Plus YouTube Rss

Home Cronaca Politica Sport Eventi Palermo Regione Italia Mondo

Spazio Vitale
 
 

27/04/2015 Monreale

Politica

Monreale, piano di riequilibrio/2. Imu, tasse, Amia e transazioni. Ecco come funziona

Monreale, piano di riequilibrio/2. Imu, tasse, Amia e transazioni. Ecco come funziona Stampa

Pressione fiscale al massimo fino alla conclusione del debito

Sangue e sacrifici. Tutto sembra essere destinato a questo. Anche se poi, a parole, perché il piano vero e proprio non è stato ancora visionato, pare che la situazione non sia così drammatica. Partiamo dalle buone notizie. Il Ministero ha approvato il piano. E non è una cosa da sottovalutare vista la precaria situazione economica del comune di Monreale. Cosa ha convinto i funzionari? Probabilmente il fatto che l’amministrazione ha dimostrato una voglia di ripianare i debiti. Seconda cosa positiva: le transazioni. Un termine con cui i monrealesi hanno iniziato a familiarizzare. Si tratta, in pratica, di un accordo tra il comune, che è il debitore ed il creditore: si stabilisce uno sconto, di solito molto consistente e si promette di pagare questa cifra entro poco tempo. Con questa mossa i 32 milioni di euro del debito “rischiano” di scendere velocemente e di portare ad una conclusione anticipata l’intero piano. Con l’Amia l’accordo è sulla base di 3 milioni di euro, a fronte dei 10 dovuti. Un risparmio di 7 milioni ed il debito che precipiterebbe a 25 milioni di euro.

Le note dolenti, però ci sono. Il gettito fiscale sarà sempre al massimo, fino alla fine del piano. In questo momento le tasse sono al massimo consentito dalla legge. Se la normativa nazionale dovesse stabilire nuovi parametri per le tasse, in automatico le tasse monrealesi, in virtù del piano, sarebbero collocate al massimo. L’evasione fiscale è sotto la lente di ingrandimento dei funzionari. Perché se, come detto dall’ufficio di ragioneria, il debito, o meglio la rata annuale potrebbe essere coperta solo dal gettito Imu, è pur vero che l’evasione fiscale è ai massimi storici. Su questo punto il segretario generale Domenica Ficano, è stata chiara: “È meglio che i cittadini saldino il dovuto, perché le procedure di recupero volute dallo Stato sono aberranti. Massima disponibilità a rateizzare i vari importi”.

Spese sempre al minimo e controlli serratissimi. Gli investimenti dovranno essere studiati a tavolino. Per non parlare delle assunzioni. Tutto bloccato per i prossimi dieci anni. Mobilità interna possibile solo con comunicazioni al Ministero, mentre mobilità esterna, con stessa spesa per il Comune, solo dopo autorizzazione dello stesso Ministero.

La “caccia ai soldi” è già cominciata. Il Comune venderà le sue proprietà per fare cassa e ripianare il debito: tra i primi a “saltare”, l’ex mobilificio Mulè e la stazione Ficuzza dell’ex Linea Ferrata. Inoltre, saranno rivisti tutti gli affitti in mano all’amministrazione. Via gli sprechi e quelli ritenuti troppo onerosi. Mai più comodati d’uso gratuiti e le concessioni dei terreni subiranno drastiche modifiche: il Comune scriverà ai proprietari, con una sorta di “minaccia”: o lo comprate o ce lo riprendiamo e l’affittiamo.  

Il 2022 è il termine in cui scade il piano, ma l’amministrazione è sicura di poter chiudere il debito al massimo entro il 2017, per poter abbassare la pressione fiscale e ripensare un attimo spese ed investimenti. Ma tra il dire ed il fare…

La Redazione

© Riproduzione riservata

Tags: monreale - amministrazione - piano - riequilibrio - ministero - corte - conti - sindaco - piero capizzi -

Notizie correlate:
- 27/04/2015  Visite speciali, l'Opera dei Pupi e risate in piazza, il programma di oggi del Santissimo Crocifisso
- 31/03/2015  Monreale, al Museo Diocesano presentazione della "Pietà con San Giovanni e Maddalena"
- 29/03/2015  Pdr Monreale: il metodo usato per la nomina di Arcidiacono a portavoce fa discutere

Ottica Nuova Visione Monreale
COMMENTI




















Testata Giornalistica Registrata - Autorizzazione del Tribunale di Palermo N. 621/2013
Direttore Responsabile Giorgio Vaiana - Condirettore Responsabile Michele Ferraro

Versione Mobile - Disclaimer - Pubblicità - Privacy - Scriveteci
© 2018 - Migi Press Snc - vincenzoganci.com - Codice Sorgente di Fp Web