Dal tuo Comune Monreale Palermo Alcamo Altofonte Bagheria Balestrate Belmonte Mezzagno Borgetto Camporeale Carini Casteldaccia Castellammare Castelluzzo Cefalù Cinisi Corleone Partinico Piana degli Albanesi San Cipirello San Giuseppe Jato San Vito Lo Capo Santa Cristina Gela Termini Imerese Terrasini Trabia
Facebook Page Twitter Google Plus YouTube Rss

Home Cronaca Politica Sport Eventi Palermo Regione Italia Mondo

Spazio Vitale
 
 

27/11/2015 Monreale

Cronaca

Monreale, ecco come funzionava il sistema "marcio" dell'ex Ato Pa2

Monreale, ecco come funzionava il sistema "marcio" dell'ex Ato Pa2 Stampa

Dalle intercettazioni emerge che a capo della banda c'era Giuseppe Pupella

Emergono storie inquietanti sul servizio di raccolta rifiuti a Monreale, gestito dall'ex Ato Pa2. Ieri i sette arresti dei Carabinieri di MOnreaale. Bilanci in rosso e mezzi spesso guasti. Proprio dai disservizi erano scaturite le indagini dei militari dell'Arma. E sembra che questi primi arresti in realtà siano una minima parte di un sistema complesso, forse formato anche da una banda, che gestiva questi loschi affari. Una banda che rubava gasolio degli autocompattatori, si assentava dal lavoro senza giustificazione (a volte qualcuno veniva visto in paese a fare altre cose) e quando era in servizio faceva di tutto, compreso sabotare i mezzi, per restare a braccia conserte.

Ai domiciliari è finito Giuseppe Pupella, dipendente dell'Ato e coordinatore dei servizi dell'Isola ecologica di via Ponte Parco. Altri sei dipendenti sono stati raggiunti da una misura cautelare che li obbliga a presentarsi tre volte la settimana in caserma. Si tratta di Eleonora Alfano, Salvatore Patellaro, Salvatore Naimi, Benedetto Basile, Antonino e Alessandro Geraci (questi ultimi due sono i titolari di un distributore di benzina convenzionato con l'Ato). Gli indagati sono in tutto 47, la stragrande maggioranza è accusata di assenteismo. Degli allontanamenti dal posto di lavoro non ci sarebbe traccia nei registri delle presenze. Sola una piccola parte, dunque, è stata raggiunta dalla misura cautelare firmata dal giudice per le indagini preliminari Roberto Riggio.

I furti di gasolio avvenivano, secondo gli investigatori, lungo la strada che conduce alla discarica di Siculiana. E così dagli appostamenti i militari sono passati alle intercettazioni, da cui sarebbe emerso un quadro più ampio di illegalità riconducibile a un'associazione a delinquere capeggiata da Pupella che, “grazie alla copertura della convivente Eleonora Alfano - pure lei impiegata dell'Ato - era il vero regista di diverse operazioni illecite”. Un regista capace, dicono gli investigatori, di instaurare “un clima di sopraffazione e ricatto nei confronti di quei dipendenti che non erano disponibili a concorrere nella commissione delle attività illecite, sia attraverso dei veri e propri atti discriminatori e persecutori in ambito lavorativo e sia con il compimento di atti intimidatori”.

Tra i conniventi, invece, ci sarebbero gli autisti Vincenzo Minasela, detto il pilota, Salvatore Di Salvo, Vincenzo Zimmardì e Santo Pipitone, già arrestati nei mesi scorsi in occasione di alcuni furti. Naimi e Patellaro, invece, avrebbe contribuito a fare sparire la documentazione contabile dei rifornimenti degli autocompattatori.

Che Pupella fosse il capo emergerebbe dalla conversazione fra due dipendenti che pubblica LiveSicilia: “Di Salvo se ne andato fino a Partinico a fare il travaso della nafta... per questo ti ripeto... lui (Pupella, ndr) è pericoloso... finché lui mangia ti fa fare tutto... decide chi è che va a scaricare... decide di tutto”. Sempre da un'intercettazione fra dipendenti emergerebbe la spartizione del profitto illecito: “... perché il grande capo prima si sporcava le mani la notte... poi gli ha detto manco per fare tutto questo traffico che è sempre un lavoro un po'... la notte qua prima... allora dice voi fate... io vi faccio partire e poi... un tot un tot ed un tot.. ed un tot me lo date a me... e partivano quasi sempre gli stessi... poi è arrivato il pilota... ed era sempre il primo a partire... perché questo gli dava di più ancora degli altri... ed era tutta un'organizzazione che se io andrei a raccontare queste cose...". 

C'era un tariffario: "Cento euro a settimana... io glielo ho detto a chi glielo dovevo dire dico quando ha sentito il discorso dice si in effetti tutti noi gli diamo a Pino una cifra... “. Quando i dirigenti dell'Ato si accorsero che i consumi di carburante erano eccessivi chiesero chiarimenti a Pupella e alla Alfano. La risposta fu tanto decisa, quando falsa: “Non riscontrata alcuna anomalia nel consumo di carburante”.

A chiarire il sistema, senza sapere di essere intercettato, fu un altro dipendente: “Quello se ne andato da qua... perché era sottomesso... lui doveva andare a scaricare e gli doveva dare cinquanta euro a lui.... settanta euro a lui quello prendeva cento euro di gasolio... trenta se li prendeva quello della pompa... cinquanta a lui... e venti euro gli rimanevano all'autista.... la minchia ti pare come facevano .... andava a scaricare ed aveva questa tassa... tipo mafia...”.

C'è poi un capitolo delle indagini, ancora da definire, che riguarda lo smaltimento illegale dei rifiuti. Alcuni commercianti e imprenditori avrebbero pagato piccole somme di denaro per disfarsi di materiale di risulta.

La Redazione

© Riproduzione riservata

Tags: monreale - carabinieri - arresto - furto - gasolio - ato - dipendenti - banda - assenteismo - commercianti -

Notizie correlate:
- 27/11/2015  Giornata mondiale della colletta alimentare, ecco dove donare a Monreale
- 27/11/2015  Monreale, il centro di ascolto donne cambia sede: "Se subite violenza denunciate subito"
- 27/11/2015  Monreale, verso il Natale: l’albero lo realizzeranno gli studenti dell’istituto d’arte D’Aleo
- 26/11/2015  Il convegno dell'Anvu a Monreale: e si scatena la "guerra" per la carica di presidente
- 26/11/2015  Monreale, arrivano le nuove classi alla Morvillo, trasloco per la materna dell'asilo Giaccone

Ottica Nuova Visione Monreale
COMMENTI




















Testata Giornalistica Registrata - Autorizzazione del Tribunale di Palermo N. 621/2013
Direttore Responsabile Giorgio Vaiana - Condirettore Responsabile Michele Ferraro

Versione Mobile - Disclaimer - Pubblicità - Privacy - Scriveteci
© 2019 - Migi Press Snc - vincenzoganci.com - Codice Sorgente di Fp Web