Dal tuo Comune Monreale Palermo Alcamo Altofonte Bagheria Balestrate Belmonte Mezzagno Borgetto Camporeale Carini Casteldaccia Castellammare Castelluzzo Cefalù Cinisi Corleone Partinico Piana degli Albanesi San Cipirello San Giuseppe Jato San Vito Lo Capo Santa Cristina Gela Termini Imerese Terrasini Trabia
Facebook Page Twitter Google Plus YouTube Rss

Home Cronaca Politica Sport Eventi Palermo Regione Italia Mondo

Spazio Vitale
 
 

08/08/2015 

Regione

Maxi sequestro a Giovanni Brusca, sigilli ad appartamenti tra San Giuseppe e Piana

Maxi sequestro a Giovanni Brusca, sigilli ad appartamenti tra San Giuseppe e Piana Stampa

Confiscati beni per oltre un milione di euro all'ex capo del mandamento mafioso di San Giuseppe Jato

I Carabinieri del Nucleo Investigativo del Gruppo di Monreale hanno sequestrato, in esecuzione di un provvedimento - emesso dalla Sezione MP (presidente Silvana Saguto) del Tribunale di Palermo - alcuni immobili, per un valore complessivo di un milione di euro circa, intestati e/o riconducibili al collaboratore di Giustizia Giovanni Brusca, già capo del mandamento mafioso di San Giuseppe Jato, catturato in stato di latitanza il 20 maggio 1996, e condannato per essere stato organizzatore ed esecutore materiale della strage di Capaci, nella quale persero la vita il giudice Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e gli agenti della scorta.

Il provvedimento scaturisce da una complessa e articolata attività di indagine iniziata nel 2009 e conclusa nel 2011, diretta dalla Procura della Repubblica di Palermo (procuratore aggiunto Dino Petralia – sostituto procuratore Sergio Demontis e Claudia Ferrari), che ha consentito di bloccare un piano di recupero, ideato e attuato dal collaboratore, di alcuni immobili intestati a prestanome e di ingenti somme di denaro, sequestrate e poi restituite, la cui gestione era stata affidata a persone compiacenti, al fine di monetizzare un consistente capitale da reinvestire nella prospettiva della sua eventuale liberazione per fine pena.

A tal fine, Brusca, all’atto della sottoscrizione di intenti, prima della concessione dello status di collaboratore di giustizia, aveva omesso di dichiarare come a lui riconducibili, direttamente o per interposta persona, questi beni:

un immobile sito in San Giuseppe Jato, via Saraceni, intestato a Brusca Giovanni (sequestro per equivalente dei proventi locazione dello stesso immobile per un importo di euro 16.400, e dei proventi della vendita dell’immobile sito in Palermo via Pecori Giraldi, fino alla concorrenza della somma di euro 30.000);

un magazzino ubicato a San Giuseppe Jato, in via Saraceni;

locali siti in Piana degli Albanesi, via Matteotti, intestati alla moglie di Brusca Giovanni, Cristiano Rosaria;

un immobile ubicato in Palermo, con accesso alla via Generale Emanuele Pezzi, attualmente locato a una chiesa evangelica apostolica.

La Redazione

© Riproduzione riservata

Tags: sequestro - beni - appartamenti - carabinieri - giovanni brusca - mafia - san giuseppe jato - strage di capaci - giovanni falcone

Notizie correlate:
- 30/05/2015  Palermo, abuvismo edilizio, sei sequestri e sette persone denunciate
- 18/04/2015  Palermo, avvocato evade oltre un milione di tasse, sequestrati anche un aereo ed una Ferrari
- 29/08/2014  Monreale, violazioni dei sigilli sulle bancarelle di piazza Guglielmo
- 31/07/2014  Monreale, la Procura sequestra le bancarelle in piazza Guglielmo

Ottica Nuova Visione Monreale
COMMENTI




















Testata Giornalistica Registrata - Autorizzazione del Tribunale di Palermo N. 621/2013
Direttore Responsabile Giorgio Vaiana - Condirettore Responsabile Michele Ferraro

Versione Mobile - Disclaimer - Pubblicità - Privacy - Scriveteci
© 2019 - Migi Press Snc - vincenzoganci.com - Codice Sorgente di Fp Web