Dal tuo Comune Monreale Palermo Alcamo Altofonte Bagheria Balestrate Belmonte Mezzagno Borgetto Camporeale Carini Casteldaccia Castellammare Castelluzzo Cefalù Cinisi Corleone Partinico Piana degli Albanesi San Cipirello San Giuseppe Jato San Vito Lo Capo Santa Cristina Gela Termini Imerese Terrasini Trabia
Facebook Page Twitter Google Plus YouTube Rss

Home Cronaca Politica Sport Eventi Palermo Regione Italia Mondo

Spazio Vitale
 
 

19/11/2013 Palermo

Palermo

Maltrattamenti, minacce e perfino il sequestro. Fine di un incubo per una donna

Maltrattamenti, minacce e perfino il sequestro. Fine di un incubo per una donna Stampa

Arrestato dai carabinieri il marito. La moglie, una donna eritrea, ha raccontato tra le lacrime le vessazioni subite

Sono state le grida di aiuto di una donna, affacciata da un balcone del secondo piano di un edificio in via Bara all’Olivella, ad allertare alcuni passanti che hanno immediatamente chiamato il 112. Giunti sul posto, i Carabinieri delle “gazzelle” del Nucleo Radiomobile sono entrati nell’edificio, e raggiunto il secondo piano, hanno scoperto che la porta era chiusa e la chiave era stata lasciata nella serratura, in modo da non poter essere aperta dall’interno. In più la porta era stata bloccata dall’esterno con un giubbotto, le cui maniche erano state legate da un lato ad un pomello e dall’altro alla ringhiera del piano.

Appena aperta la porta, la donna, una 30enne di origini etiopi, impaurita ed in evidente stato di agitazione, ha riferito ai Carabinieri che era stato il marito. Per la donna non era la prima volta che viveva questa situazione, infatti, l’uomo già in precedenza si era reso colpevole di tali condotte, tanto da costringerla a sporgere denuncia nei suoi confronti nel mese di maggio scorso. Tra le lacrime, ha raccontato che era stata chiusa dentro dal coniuge, dopo essere stata oggetto di maltrattamenti e minacce di morte e che per questo motivo, stanca di continue violenze e vessazioni, lo avrebbe denunciato.

Mentre i Carabinieri stavano scendendo le scale, accompagnando la donna in Caserma, hanno visto un uomo entrare dal portone, indicato dalla donna in suo marito. L’uomo, in evidente stato di ebbrezza alcolica, bloccato dai Carabinieri ed identificato in T.H., 40enne nato ad Asmara (Eritrea), con fare arrogante ammetteva di avere chiuso la moglie nell’abitazione, senza fornire alcuna giustificazione. Giunte sul posto altre pattuglie, i due sono stati accompagnati in caserma dove è stata ricostruita l’esatta dinamica dei fatti, così come riportata in sede di denuncia dalla donna. L’uomo tratto in arresto con l’accusa di sequestro di persona, atti persecutori, maltrattamenti in famiglia, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria è stato rinchiuso all’Ucciardone.

La Redazione

© Riproduzione riservata

Tags: palermo - carabinieri - arresto - via bara all´olivella - sequestro - donna - eritrea - minacce - maltrattamenti

Notizie correlate:
- 19/11/2013 Un corteo per Di Matteo. E lui dice: ”È un fresco vento di speranza”
- 19/11/2013 La Palermo "sotterranea", visita ai qanat
- 18/11/2013 Giallo alla Noce, una donna ritrovata sgozzata nel suo appartamento
- 18/11/2013 Le minacce a Di Matteo, uno striscione esposto a giurisprudenza
- 18/11/2013 Ruba l´auto ad una donna, la investe e fugge, arrestato dalla polizia

Ottica Nuova Visione Monreale
COMMENTI




















Testata Giornalistica Registrata - Autorizzazione del Tribunale di Palermo N. 621/2013
Direttore Responsabile Giorgio Vaiana - Condirettore Responsabile Michele Ferraro

Versione Mobile - Disclaimer - Pubblicità - Privacy - Scriveteci
© 2019 - Migi Press Snc - vincenzoganci.com - Codice Sorgente di Fp Web