Dal tuo Comune Monreale Palermo Alcamo Altofonte Bagheria Balestrate Belmonte Mezzagno Borgetto Camporeale Carini Casteldaccia Castellammare Castelluzzo Cefalù Cinisi Corleone Partinico Piana degli Albanesi San Cipirello San Giuseppe Jato San Vito Lo Capo Santa Cristina Gela Termini Imerese Terrasini Trabia
Facebook Page Twitter Google Plus YouTube Rss

Home Cronaca Politica Sport Eventi Palermo Regione Italia Mondo

Spazio Vitale
 
 

03/12/2015 Palermo

Palermo

Mafia, estorsioni e intimidazioni: sette arresti nel palermitano

Mafia, estorsioni e intimidazioni: sette arresti nel palermitano Stampa

Operazione "Jafar 2" dei Carabinieri

I Carabinieri del Comando Provinciale di Palermo hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Gip del Tribunale di Palermo su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di 7 soggetti ritenuti responsabili, a vario titolo, di associazione mafiosa, estorsione, minacce aggravate dal metodo e dalle finalità mafiose, nonché spaccio di sostanze stupefacenti e spendita di banconote contraffatte.

Le indagini - prosecuzione delle attività che nello scorso mese di marzo portarono all’operazione “Jafar” - hanno consentito di raccogliere ulteriori risultanze in ordine agli assetti e alle attività criminali del mandamento mafioso di Misilmeri-Belmonte Mezzagno, area urbana dell’immediato hinterland palermitano connotata da difficile penetrabilità investigativa e interessata, per ultimo, da numerosi atti di intimidazione a commercianti.  

La consorteria in parola, che comprende le famiglie mafiose di Misilmeri, Belmonte Mezzagno e Bolognetta, ha visto succedere al suo vertice capi di notevole caratura criminale quali Benedetto Spera (uomo strettamente legato a Bernardo Provenzano), Salvatore Sciarabba, Francesco Pastoia (anch’egli legato a Bernardo Provenzano e tratto in arresto nell’ambito dell’operazione “ Grande Mandamento”), Antonino Spera, Francesco Lo Gerfo (tratto in arresto nell’ambito dell’operazione “Sisma”) e Giuseppe Vasta (raggiunto da provvedimento cautelare lo scorso marzo, nell’ambito  dell’operazione “Jafar”).

"Le indagini - spiegano i militari - hanno evidenziato come anche i contesti territoriali extracittadini subiscano le medesime incidenze malavitose proprie di Cosa Nostra che, secondo un ormai consolidato protocollo criminale, cerca  di assicurarsi il controllo della più significative espressioni dell’economia locale attraverso eloquenti atti intimidatori (apposizione di colla attak, incendi ecc) di norma propedeutici a imposizioni estorsive".

Emblematiche, a tal proposito, le minacce ad una nota macelleria al cui ingresso, l’8 marzo, il suo titolare trovava dei crisantemi oltre che le saracinesche imbrattate da chiare scritte di avvertimento mafioso. Le investigazioni hanno documentato responsabilità in ordine ad alcune vicende estorsive, tra cui quella che ha visto il titolare di un noto esercizio commerciale di Bolognetta, intenzionato ad effettuare lavori di ampliamento dei locali, destinatario della richiesta di pagamento  di 10 mila euro qualora per svolgere le opere non fosse stato disponibile ad avvalersi di un’impresa vicina a “Cosa nostra”.

E l’attività estorsiva non risparmiava neanche le realtà economiche più modeste. "E’ il caso - aggiungono gli inquirenti - di un pescivendolo ambulante costretto a sborsare, con non poche difficoltà, 500 euro dinanzi alla fatidica frase “Abbiamo bisogno per i carcerati, mi devi dare 500 euro".

Il ventaglio dei reati contestati comprende anche l’ipotesi di spendita di denaro contraffatto, approvvigionato negli ambienti malavitosi napoletani al costo di 4 euro per ogni banconota da 20 euro, nonché l’acquisto, a Palermo, di sostanza stupefacente da destinare allo spaccio nelle piazze di piccoli Comuni della provincia.

ELENCO ARRESTATI:

  • 1.     LA BARBERA ROSARIO, NATO A VICARI (PA) 14 MAR 58;
  • 2.     PRAVATA’ GAETANO, NATO A PALERMO 06 DIC 72;
  • 3.     GINELLI ALESSANDRO, NATO A PALERMO 25 GIU 75;
  • 4.     CUCCA GIOSUE’, NATO IN GERMANIA 29 DIC 84;
  • 5.     CIARAMITARO FRANCESCO ANTONINO, NATO A PALERMO 02 NOV 68, IN ATTO DETENUTO PER ALTRA CAUSA;
  • 6.     FORMOSO PIETRO, NATO A VILLAFRATI (PA) 18 GEN 49, IN ATTO DETENUTO PER ALTRA CAUSA;
  • 7.     RAVESI ALESSANDRO, NATO A PALERMO 17 LUG 77, IN ATTO DETENUTO PER ALTRA CAUSA.

La Redazione

© Riproduzione riservata

Tags: palermo - carabinieri - direzione - antimafia - procura - repubblica - indagini - operazione - jafar - arresto - mafia - estorsione -

Gallery


Notizie correlate:
- 03/12/2015  Palermo, "Io sono pulito": il progetto dei Rotary Club su educazione sanitaria e civica
- 03/12/2015  Natale a Palermo, a villa Niscemi una mostra di presepi da tutto il mondo
- 02/12/2015  Palermo, convince “Il Cortile degli Aragonesi” al Finocchiaro
- 02/12/2015  Palermo, derattizzazione, diserbi e bonifica:  la Rap interviene in via Altofonte
- 01/12/2015  La Regione ha debiti per 114 milioni e l'ex socio blocca i sistemi informatici

Ottica Nuova Visione Monreale
COMMENTI




















Testata Giornalistica Registrata - Autorizzazione del Tribunale di Palermo N. 621/2013
Direttore Responsabile Giorgio Vaiana - Condirettore Responsabile Michele Ferraro

Versione Mobile - Disclaimer - Pubblicità - Privacy - Scriveteci
© 2019 - Migi Press Snc - vincenzoganci.com - Codice Sorgente di Fp Web