Dal tuo Comune Monreale Palermo Alcamo Altofonte Bagheria Balestrate Belmonte Mezzagno Borgetto Camporeale Carini Casteldaccia Castellammare Castelluzzo Cefalù Cinisi Corleone Partinico Piana degli Albanesi San Cipirello San Giuseppe Jato San Vito Lo Capo Santa Cristina Gela Termini Imerese Terrasini Trabia
Facebook Page Twitter Google Plus YouTube Rss

Home Cronaca Politica Sport Eventi Palermo Regione Italia Mondo

Spazio Vitale
 
 

21/07/2015 

Video Pubblicitari

Lavoro, ancora proteste dei dipendenti Ato

Lavoro, ancora proteste dei dipendenti Ato Stampa

L'impresa di trovare un lavoro dopo averlo perso

L'articolo contiene link a carattere pubblicitario.

Il lavoro resta, dopo circa 7 anni di crisi, la nota più dolente di questa disastrosa situazione economica. In tutta Italia si ravvisa una condizione di forte malessere, situazione di cui i principali protagonisti sono i giovani e chi ha perso il lavoro dopo una vita di fatiche. Più nello specifico, i giovani, che siano laureati o meno, non riescono a trovare un primo impiego. La risposta è sempre la medesima, occorre esperienza, ma nessuno da la possibilità di farla. Meglio "assumere" i ragazzi con inquadramento di stage, come dire, uno sfruttamento riconosciuto da ambo le parti quando questo non serve a insegnare il mestiere ai giovani, ma ad approfittare di forza lavoro e spesso, infatti, non viene retribuito tale periodo.

Più grave la condizione di chi ha sempre lavorato, magari ha una famiglia da mantenere e ha perso il lavoro all'improvviso. A cinquanta, sessant'anni trovare un nuovo impiego è un'impresa apocalittica, ma anche a quaranta se quel posto che hai perso è l'unico mestiere che hai sempre fatto. A conoscere perfettamente questa condizione di forte disagio sono i dipendenti Ato che, esasperati, hanno montato una protesta. Qualche giorno fa, diversi i tafferugli e i disagi per la circolazione, al punto che i protestanti sono stati processati per direttissima. Dal canto loro gli operai si giustificano e chiedono scusa alla popolazione, ma la condizione di forte malessere in cui sono costretti a vivere è sfociata in questa manifestazione.

Il problema nasce dal fatto che i dipendenti Ato dovevano essere riammessi in servizio all'interno della società Belice Impianti srl, invece così non è stato e ormai da troppo tempo questa situazione di incertezza si trascina. In queste vicende a soffrire di più sono proprio le famiglie che non riescono a fare fronte alle normali spese quotidiane.  In tutta Italia è aumentata la richiesta di prestiti cambializzati (maggiori info suhttp://www.calcoloprestito.org/guida/cambializzati), e questo è uno specchio che riflette la nostra particolare condizione economica. Per i dipendenti Ato non resta quindi che attendere nuovi sviluppi e nuove comunicazioni da parte dell'azienda, ma dopo l'episodio recente la loro condizione è aggravata dalle imputazioni che pendono a loro carico.

Una situazione che non ci voleva e che aggrava una condizione già di per sé estremamente complessa. 

La Redazione

© Riproduzione riservata

Tags: sicilia - lavoro - precari - dipendenti - disoccupazione - crisi - servizio - disagi -

Notizie correlate:
- 20/07/2015  "Going to Expo": ecco le più interessanti realtà del territorio siciliano che andranno all'Esposizione Universale
- 20/07/2015  Anziani, in Sicilia è emergenza sociale
- 16/07/2015  Sicily Expo Rally 2015, al via anche Miriam Ballarino della Festina Lente Racing
- 10/07/2015  Scoprire, esplorare, vivere esperienze uniche girovagando per la Sicilia
- 03/07/2015  Dalla montagna al mare, passando per l'arte in città. Gli eventi del weekend

Ottica Nuova Visione Monreale
COMMENTI




















Testata Giornalistica Registrata - Autorizzazione del Tribunale di Palermo N. 621/2013
Direttore Responsabile Giorgio Vaiana - Condirettore Responsabile Michele Ferraro

Versione Mobile - Disclaimer - Pubblicità - Privacy - Scriveteci
© 2019 - Migi Press Snc - vincenzoganci.com - Codice Sorgente di Fp Web