Dal tuo Comune Monreale Palermo Alcamo Altofonte Bagheria Balestrate Belmonte Mezzagno Borgetto Camporeale Carini Casteldaccia Castellammare Castelluzzo Cefalù Cinisi Corleone Partinico Piana degli Albanesi San Cipirello San Giuseppe Jato San Vito Lo Capo Santa Cristina Gela Termini Imerese Terrasini Trabia
Facebook Page Twitter Google Plus YouTube Rss

Home Cronaca Politica Sport Eventi Palermo Regione Italia Mondo

Spazio Vitale
 
 

01/12/2015 Palermo

Regione

La Regione ha debiti per 114 milioni e l'ex socio blocca i sistemi informatici

La Regione ha debiti per 114 milioni e l'ex socio blocca i sistemi informatici Stampa

La Engineering spegne i server, stop a prenotazioni, mail e pagamenti stipendi

Il sistema informatico di tutti gli uffici della Regione, le mail, il programma per il pagamento degli stipendi dei dipendenti pubblici: servizi che in Sicilia non funzionano più dalla mezzanotte del 30 novembre.

La società che gestisce i server di Sicilia e-Servizi, guidata dall'ex pm Antonio Ingroia, che vanta un credito di 114 milioni di euro, ha infatti spento il sistema per convincere la Regione a pagare il debito. “Un atto illegittimo, ricattatorio, fuori luogo, senza alcun senso” - dichiara Ingroia al Fatto Quotidiano - nominato amministratore delegato di Sicilia e-Servizi dal governatore Rosario Crocetta nel 2013. “Un atto – continua l’ex pm – che mette a rischio servizi pubblici essenziali, e che arriva alla vigilia di una riunione importante”, in corso infatti c'è un vertice tra i dirigenti della Regione e di Engineering.

Già nei mesi scorsi - come scrive il Fatto Quotidiano - la società aveva chiesto il sequestro di 88 milioni di euro di beni di Sicilia e-Servizi, ma il tribunale di Palermo ha bocciato la richiesta. Così Engineering, ha prima mandato un ultimatum e poi spento il sistema. La società però ha anche inviato un secondo ultimatum, se entro oggi non si dovesse risolvere la questione, è pronta a spegnere totalmente il server centrale.

“Fino a questo momento – spiega ancora Antonio Ingroia – hanno provocato la sospensione di servizi essenziali, ma se staccassero davvero la corrente produrrebbero danni incommensurabili nel database della regione Sicilia, del valore di parecchi milioni. Per questo motivo siamo pronti a fare causa ad Engineering, e farci consegnare l’intero sistema informatico”.

Dalla riunione delle prossime ore - scrive il Fatto Quotidiano - dovrebbe emergere una soluzione, seppur transitoria come nel caso del primo blackout. Già il 15 giugno scorso, infatti, Engineering aveva spento i computer della Regione. Nelle stesse ore in cui i comuni dell’Isola eseguivano le operazioni di spoglio elettorale per le amministrative, i siti internet per gestire i flussi elettorali e aggiornare in diretta le operazioni di voto erano fuori uso. Un paradosso, dato che dal luglio del 2013 la Regione Siciliana ha acquisito l’intero pacchetto di Sicilia e-Servizi. A quel punto Crocetta ha prima nominato Ingroia liquidatore, annunciando di volersi liberare di tutti i carrozzoni mangiasoldi regionali, poi – dopo l’ennesima marcia indietro – lo ha promosso amministratore delegato, salvando l’ente informatico. Che però, anche se da due anni è totalmente pubblico, continua ad essere tenuto sotto scacco dall’ex socio privato della Regione, ancora in possesso del sistema informatico siciliano. Un sistema che sulla carta non possiede più.

(FONTE IL FATTO QUOTIDIANO)

La Redazione

© Riproduzione riservata

Tags: palermo - regione - sicilia - debito - società - sistema informatico - engineering - antonio ingroia - presidente - rosario crocetta -

Notizie correlate:
- 01/12/2015  Terrorismo, accoglienza e migrazioni: una tre giorni a Palermo organizzata dagli Ignaziani
- 30/11/2015  Anche Palermo dice "NO" alla pena di morte e aderisce a "Cities for Lifes"
- 29/11/2015  "Mafie e diritti umani", un seminario all'Università di Palermo
- 28/11/2015  Targhe di automobili abbandonate alla "conigliera": magari una è la vostra
- 28/11/2015  Rifiuti in Sicilia e assunzioni nelle Srr, sono 11 mila quelle da verificare

Ottica Nuova Visione Monreale
COMMENTI




















Testata Giornalistica Registrata - Autorizzazione del Tribunale di Palermo N. 621/2013
Direttore Responsabile Giorgio Vaiana - Condirettore Responsabile Michele Ferraro

Versione Mobile - Disclaimer - Pubblicità - Privacy - Scriveteci
© 2018 - Migi Press Snc - vincenzoganci.com - Codice Sorgente di Fp Web