Dal tuo Comune Monreale Palermo Alcamo Altofonte Bagheria Balestrate Belmonte Mezzagno Borgetto Camporeale Carini Casteldaccia Castellammare Castelluzzo Cefalù Cinisi Corleone Partinico Piana degli Albanesi San Cipirello San Giuseppe Jato San Vito Lo Capo Santa Cristina Gela Termini Imerese Terrasini Trabia
Facebook Page Twitter Google Plus YouTube Rss

Home Cronaca Politica Sport Eventi Palermo Regione Italia Mondo

Spazio Vitale
 
 

15/12/2015 Monreale

Cronaca

Il caso Miccichè, i soldi dell’8 per mille per il B & B di Monreale

Il caso Miccichè, i soldi dell’8 per mille per il B & B di Monreale Stampa

I soldi “distratti” con grovigli di bonifici e giroconti. L’accusa dei Pm

Del progetto per la riabilitazione dei detenuti non c'è traccia, e neanche della struttura di assistenza ai disabili mentali. Il sostegno della Caritas da 100 mila euro all'anno per l'attività delle parrocchie si è perso per strada e il contributo da 70 mila al centro di accoglienza per migranti di Badia Grande non arriva ormai da più di dieci anni.

È un fiume di denaro, quasi due milioni di euro provenienti dall'8 per mille destinato negli ultimi tre anni dalla Santa Sede alla diocesi di Trapani, quello che sarebbe finito nelle tasche dell'ex vescovo Francesco Miccichè nei confronti del quale la Procura si appresta a chiudere l'indagine che lo vede accusato di appropriazione indebita, malversazione, diffamazione e calunnia nei confronti del suo ex economo, don Antonino Treppiedi, verso il quale aveva cercato di stornare i sospetti per un misterioso ammanco nelle casse della Curia. Lo rivela l’edizione odierna de La Repubblica.

L'ipotesi accusatoria dei pm Di Sciuva, Morra e Tarondo coordinati dal procuratore Marcello Viola, dopo le importanti ammissioni dell'ex direttore della Caritas trapanese Sergio Librizzi (nel frattempo condannato a nove anni di carcere per una brutta storia di ricatti e violenze sessuali ai danni di giovani extracomunitari), ha trovato ampia conferma nei riscontri della Guardia di finanza che, seguendo il fiume di denaro uscito dai conti ufficiali dell'8 per mille della Curia trapanese, è riuscita a ricostruire un groviglio di bonifici, giroconti e false fatture che avrebbero consentito all'alto prelato di impossessarsi di grosse somme che avrebbe investito nell'acquisto di appartamenti e ville, a cominciare da quella mastodontica (in parte adibita a bed and breakfast) di Monreale nella quale è andato a vivere insieme alla sorella e al cognato dopo la sua rimozione dall'incarico decisa da Papa Francesco in seguito all'apertura dell'indagine nei suoi confronti.

La Redazione

© Riproduzione riservata

Tags: monreale - b&b - indagini - vescovo - francesco miccichè - donazioni - caritas - trapani - procura - la repubblica - rimozione - incarico - papa francesco -

Notizie correlate:
- 15/12/2015  Monreale, via libera dal Ministero per la stabilizzazione dei precari
- 14/12/2015  Pioppo, 7 mila euro dal Ministero per l'esame diagnostico della scuola materna di via Polizzi
- 13/12/2015  Monreale-golosa: immancabili le arancine nel giorno di Santa Lucia
- 13/12/2015  Monreale, “sosta selvaggia” in via Palermo, le proteste dei residenti
- 12/12/2015  Anche a Monreale si apre la Porta Santa, inizia il Giubileo

Ottica Nuova Visione Monreale
COMMENTI




















Testata Giornalistica Registrata - Autorizzazione del Tribunale di Palermo N. 621/2013
Direttore Responsabile Giorgio Vaiana - Condirettore Responsabile Michele Ferraro

Versione Mobile - Disclaimer - Pubblicità - Privacy - Scriveteci
© 2018 - Migi Press Snc - vincenzoganci.com - Codice Sorgente di Fp Web