Dal tuo Comune Monreale Palermo Alcamo Altofonte Bagheria Balestrate Belmonte Mezzagno Borgetto Camporeale Carini Casteldaccia Castellammare Castelluzzo Cefalù Cinisi Corleone Partinico Piana degli Albanesi San Cipirello San Giuseppe Jato San Vito Lo Capo Santa Cristina Gela Termini Imerese Terrasini Trabia
Facebook Page Twitter Google Plus YouTube Rss

Home Cronaca Politica Sport Eventi Palermo Regione Italia Mondo

Spazio Vitale
 
 

01/08/2013 Palermo

Palermo

Gli immobili del boss Piazza donati al Comune per le scuole

Gli immobili del boss Piazza donati al Comune per le scuole Stampa

Sono trenta unità immobiliari che appartenevano alla "Immobiliare Strasburgo Srl" confiscata per mafia, che sono sede di 16 istituti scolastici palermitani

Il Direttore dell’Agenzia Nazionale per la gestione e destinazione dei beni sequestrati e confiscati, Prefetto Giuseppe Caruso, ha proceduto alla “consegna” al Sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, di 30 unità immobiliari di proprietà della Immobiliare Strasburgo S.r.l., confiscata al mafioso Vincenzo Piazza, adibite a sedi di 16 Istituti Scolastici.
Si tratta, in particolare, delle seguenti scuole:

  • Immobile in Via Bernini nn.39/b-c-e-f-41/41-a/45/b utilizzato quale sede della Scuola Elementare Uditore;
  • Via La Loggia n.214 p.t. utilizzato quale sede della Scuola Media Gramsci Plesso centrale;
  • Via G. Arcoleo nn.42/48 p.t. utilizzato quale sede della Scuola Media Gramsci Plesso 2;
  • Via G. Arcoleo nn.60/72 p.t. utilizzato quale sede della Scuola Media Gramsci Plesso 2;
  • Via G. Arcoleo nn.74 p.t. utilizzato quale sede della Scuola Media Gramsci Plesso 2;
  • Via G. Arcoleo nn.76/78/80 p.t. utilizzato quale sede della Scuola Media Gramsci Plesso 2;
  • Via Vito Cesare Piazza nn.8/16 p.t.  utilizzato quale sede della Scuola Media Gramsci Plesso 3;
  • Via Vito Cesare Piazza nn.18 p.r.sx B utilizzato quale sede della Scuola Media Gramsci Plesso 3;
  • Via C. a Pietratagliata n.9 p.c.(7/d e 9/a) utilizzato quale sede della Scuola Media Cavour;
  • Via C. a Pietratagliata n.9 p.t. utilizzato quale sede della Scuola Media Cavour;
  • Via Monti Iblei nn.49/a-b-c-53-53/a utilizzato quale sede della Scuole Materne Monti Iblei;
  • Via Monti Iblei nn.49/c (q) utilizzato quale sede della Scuole Materne Monti Iblei;
  • Via Serradifalco nn, 31-35 p.t.+2 elevaz. utilizzato quale sede della Scuola Peppino Impastato;
  • Via Croce Rossa n. 313 p.t. - S1 utilizzato quale sede della Scuola Borghese;
  • Via Castellana n. 85/M p.t. utilizzato quale sede della Scuola materna Boccadifalco;
  • Via Titina De Filippo nn.33-45 p.t. utilizzato quale sede della Scuola materna Pestalozzi;
  • Via Titina De Filippo n.3 p.t. (ang,Via Pietratagliata 30/38) utilizzato quale sede della Scuola materna Pestalozzi;
  • Via Crocofissa a Pietratagliata nn.30/38 utilizzato quale sede della Scuola materna Pestalozzi;
  • Via E.le Basile nn.46/48 p.t. utilizzato quale sede della Scuola Vittorio Emanuele. III/R.Moleti;
  • Via E.le Basile nn.50/54 p.t. utilizzato quale sede della Scuola Vittorio Emanuele. III/R.Moleti;
  • Via E.le Basile nn.62/66 p.t. utilizzato quale sede della Scuola Vitt Em. III/R.Moleti;
  • Via E.le Basile n.54/58 corpo basso utilizzato quale sede della Scuola Vittorio Emanuele. III/R.Moleti;
  • Via M.Bragaglia n.23-E.le Basile n.6/a p.t. e s.1 utilizzato quale sede della Scuola Vittorio Emanuele. III/R.Moleti;
  • Via M.Bragaglia n.23 p.t. c utilizzato quale sede della Scuola Vittorio Emaniele III/R.Moleti;
  • Via Leonardo da Vinci n.500-504 p.t. e 1°p.c. utilizzato quale sede della Scuola T.Di Lampedusa;
  • Via M.Titone nn.43-59 p.t. utilizzato quale sede della Scuola elementare L.Radice;
  • Via M.Titone nn.63/71 p.t.-Via Sunseri n.17-23 utilizzato quale sede della Scuola elementare L. Radice;
  • Via Castellana nn.34-48 p.t. utilizzato quale sede della Scuola elementare Boccadifalco;
  • Via G.Astorino nn.31 p.t.-1°s. utilizzato quale sede della Scuola media I.Florio;
  • Via Claudio Domino p.t. utilizzato quale sede della DD.DD. San Lorenzo.

Il trasferimento, disposto in adesione alla richiesta del Comune, ha comportato l’estrapolazione dei beni dal patrimonio della Immobiliare Strasburgo S.r.l., previa verifica del mantenimento dell’equilibrio  economico-finanziario della società stessa.
"Se è vero che, come diceva Antonino Caponnetto "la mafia teme più la scuola della magistratura", oggi si compie un atto straordinario non solo sotto il profilo simbolico, ma anche sotto il profilo pratico ed amministrativo. Si conclude infatti un iter burocratico lungo, probabilmente anche troppo lungo, per assegnare al Comune questi beni. I tempi di questo provvedimento, alla cui accelerazione ha dato un grande contributo l'Agenzia diretta dal Prefetto Caruso, sono stati troppo lunghi perché la normativa non sempre facilita l'utilizzo sociale degli immobili confiscati alle aziende immobiliari. Speriamo che una modifica normativa permetta di ridurre questi tempi in futuro, liberandoci da una burocrazia certamente eccessiva ed insostenibile". Lo ha detto il sindaco Orlando.

La Redazione

© Riproduzione riservata

Tags: comune - palermo - donati - immobili - immobiliare strasburgo - boss - mafia - vincenzo piazza

Ottica Nuova Visione Monreale
COMMENTI




















Testata Giornalistica Registrata - Autorizzazione del Tribunale di Palermo N. 621/2013
Direttore Responsabile Giorgio Vaiana - Condirettore Responsabile Michele Ferraro

Versione Mobile - Disclaimer - Pubblicità - Privacy - Scriveteci
© 2019 - Migi Press Snc - vincenzoganci.com - Codice Sorgente di Fp Web