Dal tuo Comune Monreale Palermo Alcamo Altofonte Bagheria Balestrate Belmonte Mezzagno Borgetto Camporeale Carini Casteldaccia Castellammare Castelluzzo Cefalù Cinisi Corleone Partinico Piana degli Albanesi San Cipirello San Giuseppe Jato San Vito Lo Capo Santa Cristina Gela Termini Imerese Terrasini Trabia
Facebook Page Twitter Google Plus YouTube Rss

Home Cronaca Politica Sport Eventi Palermo Regione Italia Mondo

Spazio Vitale
 
 

16/07/2014 

Sport

Evasione fiscale all'autodromo di Monza, indagati i vertici della Sias

Evasione fiscale all'autodromo di Monza, indagati i vertici della Sias Stampa

Per i magistrati, sconti e tariffe agevolate per chi pagava l'affitto della pista "in nero"

Non tira certo un buon vento per l'autodromo di Monza. Nei giorni scorsi le dichiarazioni di Bernie Ecclestone che ha messo in guardia l'Ente gestore su una possibile cessazione, a fine contratto (2015), del rapporto con la F1. Ora una ben più dura tegola si abbatte sugli ex vertici della SIAS. Una inchiesta coordinata dalla Procura di Monza, accusa Enrico Ferrari e Claudio Viganò, di false fatturazioni e li indica, in concorso tra loro, rei, a dire dei magistrati, di diverse azioni esecutive del medesimo disegno criminoso. In pratica, sono accusati di aver evaso per circa 2 milioni di euro il primo, 1 milione di euro il secondo. Questa la tesi del PM Walter Mapelli. L'esposto sarebbe partito da Paolo Guaitamecchi che subentrò, nel 2012, a Vigano alla presidenza della SIAS. Sembra ci sia una società inglese alla quale furono affidati gli affitti della pista a prezzi difformi da quelli indicati in listino e questi sempre pagati in contanti. Da qui il sequestro di titoli, fondi, beni e moneta liquida, autorizzati dal GIP di Monza. A conferma di questi fatti, secondo gli inquirenti, c'è uno strano caso che portò al rinvenimento, nel centro di Monza, di una valigetta con 105 mila euro in contanti. Questa venne consegnata alla Forze dell'Ordine da un passante ed a rivendicarne la proprietà si presentò un tedesco che dichiarò di aver quella somma in contati, perchè doveva darli all'autodromo di Monza per un evento prenotato. Sono così finite nel ciclone anche due società svizzere, la Kuno e la Moto Center Thun, oltre che la tedesca Porsche Club Nurburgring Sportpromotion. Gli investigatori sono convinti che le ingenti somme di danaro, a fronte di sconti e vari trattamenti di favore, venissero versati in contanti e senza fattura, direttamente ad Enrico Ferrari.

Rosario Lo Cicero

© Riproduzione riservata

Tags: evasione fiscale - autodromo - pista - monza - indagini - guardia di finanza - sias - procura di monza - enrico ferrari - claudio viganò

Ottica Nuova Visione Monreale
COMMENTI




















Testata Giornalistica Registrata - Autorizzazione del Tribunale di Palermo N. 621/2013
Direttore Responsabile Giorgio Vaiana - Condirettore Responsabile Michele Ferraro

Versione Mobile - Disclaimer - Pubblicità - Privacy - Scriveteci
© 2019 - Migi Press Snc - vincenzoganci.com - Codice Sorgente di Fp Web