Dal tuo Comune Monreale Palermo Alcamo Altofonte Bagheria Balestrate Belmonte Mezzagno Borgetto Camporeale Carini Casteldaccia Castellammare Castelluzzo Cefalù Cinisi Corleone Partinico Piana degli Albanesi San Cipirello San Giuseppe Jato San Vito Lo Capo Santa Cristina Gela Termini Imerese Terrasini Trabia
Facebook Page Twitter Google Plus YouTube Rss

Home Cronaca Politica Sport Eventi Palermo Regione Italia Mondo

Spazio Vitale
 
 

10/04/2013 Monreale

Cronaca

"Così mi chiesero il pizzo". Parla Ninni Gullo

Stampa

Intervista esclusiva al figlio dell´ex sindaco vittima di estorsione. Il racconto dalla vicenda fino agli arresti dei giorni scorsi

“Denunciare è un obbligo morale, ma anche di legge”. Questa frase Ninni Gullo, ingegnere monrealese vittima di estorsione e figlio dell’ex sindaco Toti, nel corso della nostra chiacchierata la ripete tante volte. Ninni ha un’azienda che si occupa di progettazione, costruzione di edifici ed anche di smaltimento di rifiuti pericolosi come l’amianto e di verifiche ambientali. A giugno 2012 la sua impresa inizia a costruire un palazzo con otto appartamenti per conto di un privato . “A settembre un tizio va a trovare mio padre a casa – racconta Ninni - spiega all’ex sindaco di non conoscere suo figlio e di venire da parte di Cosa Nostra. “Disse a mio padre che se la nostra ditta voleva “mettersi a posto” erano necessari 8.000 euro. Che equivalgono a mille euro per ogni appartamento che stavamo realizzando”. Toti Gullo riferì tutto al figlio e denunciarono la richiesta di estorsione alle autorità. “Non abbiamo fatto nulla di eccezionale – dice Ninni – solo il nostro dovere di   cittadini. Denunciare è una scelta obbligata sia dal punto di vista etico/morale che dal punto di vista aziendale, perché si rischia di far precipitare il proprio lavoro in una spirale distruttiva”. L’azienda di Ninni è iscritta da tempo ad Addiopizzo di cui condivide l'impegno e la finalità. "Credo, continua Ninni, che ogni generazione dia il proprio contributo alla Società, forse quello della mia è quello di avere dato vita alla ribellione al pizzo e la rivendicazione al lavoro libero. Ringrazio Addiopizzo e Libero Futuro l'altra associazione antiraket, nonché le Forze dell'Ordine e la Magistratura. Quando si è vittima di estorsioni non c’è altra scelta che denunciare – conclude Ninni – Non bisogna fare il loro gioco, ma stare dalla parte dello Stato e della legalità.”

Sulla vicenda è intervenuto Giuseppe Magnolia, ex assessore ai lavori pubblici durante il mandato di Toti Gullo come sindaco: “Le amministrazioni devono agevolare e facilitare la crescita e lo sviluppo del territorio basando la propria  azione dentro gli ambiti della legalità, ed è proprio l'esperienza che io ho vissuto lavorando nell'amministrazione Gullo. All' interno di questi binari qualsiasi amministrazione deve lavorare corroborata dalla solidarietà di tutte le forze politiche costruendo un muro compatto davanti a fenomeni mafiosi che impediscono anche i più piccoli tentativi di creare lavoro e sviluppo”.

Giorgio Vaiana

© Riproduzione riservata

Tags: monreale - estorsione - figlio - sindaco - toti gullo - parla - ninni gullo

Gallery


Notizie correlate:
- 10/04/2013 I forestali: "Crocetta cambi idea o saranno blocchi"
- 10/04/2013 Sono aperte le iscrizioni per il "Campogiovani 2013"
- 10/04/2013 In mostra le pergamene del Tabulario della Collegiata
- 09/04/2013 Nido di vespe in via Marconi a Monreale
- 08/04/2013 La storia del feudo Verbumcaudo "sbarca" a Verona

Ottica Nuova Visione Monreale
COMMENTI




















Testata Giornalistica Registrata - Autorizzazione del Tribunale di Palermo N. 621/2013
Direttore Responsabile Giorgio Vaiana - Condirettore Responsabile Michele Ferraro

Versione Mobile - Disclaimer - Pubblicità - Privacy - Scriveteci
© 2019 - Migi Press Snc - vincenzoganci.com - Codice Sorgente di Fp Web