Dal tuo Comune Monreale Palermo Alcamo Altofonte Bagheria Balestrate Belmonte Mezzagno Borgetto Camporeale Carini Casteldaccia Castellammare Castelluzzo Cefalù Cinisi Corleone Partinico Piana degli Albanesi San Cipirello San Giuseppe Jato San Vito Lo Capo Santa Cristina Gela Termini Imerese Terrasini Trabia
Facebook Page Twitter Google Plus YouTube Rss

Home Cronaca Politica Sport Eventi Palermo Regione Italia Mondo

Spazio Vitale
 
 

06/07/2015 

Regione

Castelvetrano, mafia: in manette il cognato del latitante Matteo Messina Denaro

Castelvetrano, mafia: in manette il cognato del latitante Matteo Messina Denaro Stampa

Sequestrati dalla Dia, beni per 200 mila euro

La Dia di Trapani, ha dato esecuzione all’ordinanza di custodia cautelare degli arresti domiciliari, con l’apposizione di dispositivi elettronici, nei confronti di Gaspare Como, pregiudicato 45enne, commerciante di Castelvetrano (TP), per associazione a delinquere ed estorsione.

All'uomo, già sorvegliato speciale, cognato del noto latitante capomafia Matteo Messina Denaro, sono stati sequestrati: un’azienda commerciale di vendita al dettaglio di abbigliamento ed un immobile ad uso abitativo a Castelvetrano. I provvedimenti sono stati emessi dal Gip presso il Tribunale di Marsala (TP), Vito Sladino, su richiesta dalla Procura della Repubblica di Marsala.

A Como, sposato con Bice Maria, sorella del latitante Matteo Messina Denaro, viene contestato di aver avviato e gestito due esercizi commerciali per la vendita al dettaglio di abbigliamento a Castelvetrano ed a Marsala (TP), attribuendone, fittiziamente, la titolarità a prestanomi, che risultano indagati a piede libero, nell’ambito dello stesso procedimento penale.

Nel corso delle indagini è stasto accertato che lo stesso Como, avrebbe acquistato un immobile ad uso abitativo, a Triscina, facendone risultare fittiziamente proprietari alcuni imprenditori castelvetranesi, anch’essi indagati. Secondo l’ipotesi accusatoria condivisa dal Gip del Tribunale di Marsala, Como avrebbe fatto ricorso a prestanomi, per eludere la normativa in materia di misure di prevenzione. Infatti, nei confronti dell’uomo, già nel  2012, la Procura della Repubblica di Marsala, dopo indagini della Dia, aveva sottoposto a sequestro altri beni, tra cui immobili ed autoveicoli lussuosi, per le stesse ipotesi di intestazione fittizia.

Di recente, il Comune di Castelvetrano ha revocato a Como, su indicazione della Dia, una licenza commerciale per vendita al dettaglio di abbigliamento, ottenuta in mancanza dei requisiti previsti dalla legge. Il valore dei beni sottoposti a sequestro ammonta a circa 200 mila euro.

La Redazione

© Riproduzione riservata

Tags: trapani - dia - arresto - mafia - sequestro - matteo messina denaro - tribunale - procura - antimafia - marsala -

Notizie correlate:
- 08/02/2015  Serata Campionati Aci Csai: Nino Vaccarella premia due monrealesi
- 20/12/2013 La Divina Commedia di Madè "vola" a Trapani, oggi la presentazione
- 13/12/2013 Mafia, altro colpo a Messina Denaro: in manette i familiari

Ottica Nuova Visione Monreale
COMMENTI




















Testata Giornalistica Registrata - Autorizzazione del Tribunale di Palermo N. 621/2013
Direttore Responsabile Giorgio Vaiana - Condirettore Responsabile Michele Ferraro

Versione Mobile - Disclaimer - Pubblicità - Privacy - Scriveteci
© 2019 - Migi Press Snc - vincenzoganci.com - Codice Sorgente di Fp Web