Dal tuo Comune Monreale Palermo Alcamo Altofonte Bagheria Balestrate Belmonte Mezzagno Borgetto Camporeale Carini Casteldaccia Castellammare Castelluzzo Cefalù Cinisi Corleone Partinico Piana degli Albanesi San Cipirello San Giuseppe Jato San Vito Lo Capo Santa Cristina Gela Termini Imerese Terrasini Trabia
Facebook Page Twitter Google Plus YouTube Rss

Home Cronaca Politica Sport Eventi Palermo Regione Italia Mondo

Spazio Vitale
 
 

24/04/2015 Castellammare

Regione

Castellammare, rubati 2 chilometri di cavi elettrici. Un gruppo elettrogeno per assicurare la fornitura d'acqua

Castellammare, rubati 2 chilometri di cavi elettrici. Un gruppo elettrogeno per assicurare la fornitura d'acqua Stampa

Il sindaco: “Invito ad un uso parsimonioso dell’acqua finché non torneremo alla normalità”

"Dopo l’approfondito sopralluogo effettuato ieri, i tecnici hanno verificato che il furto di cavi che fornivano energia elettrica agli impianti di sollevamento idrici di contrada Inici, ha riguardato ben oltre due chilometri di cavi. Per assicurare la fornitura di acqua abbiamo predisposto l’installazione di un gruppo elettrogeno e l’Enel, immediatamente contattata, è già al lavoro perché le pompe di sollevamento tornino ad essere funzionanti".

Lo comunica il sindaco Nicolò Coppola che fa presente di aver lavorato "perché il disagio causato dal furto di cavi che alimentano le pompe che sollevano l’acqua dal pozzo di Inici, sia ridotto al minimo". Prima del ritorno alla regolare turnazione idrica la distribuzione dell’acqua subirà certamente un rallentamento.

"Abbiamo predisposto, a spese del Comune, un gruppo elettrogeno di 400 chilowatt per sopperire all'emergenza - spiega il sindaco Nicolò Coppola -. Considerata l’entità del danno, il complesso intervento di ripristino avviato dall’Enel potrà essere ultimato solo tra dieci giorni circa. L’Enel, infatti, sostituirà i cavi elettrici rubati, con altri non contenenti rame e dovrà anche predisporre una nuova palificazione adatta alla nuova tipologia di rete. Per questo la fine dell’intervento è prevista nella prima settimana di maggio. Nel frattempo l’acqua sarà ugualmente distribuita in città ma sicuramente, pur se ridotti,  ci saranno dei disagi. Per questo invito i cittadini ad un uso parsimonioso dell’acqua -conclude il sindaco Nicolò Coppola- legato alle reali necessità, in attesa che la situazione si regolarizzi".

A Castellammare la dotazione complessiva di acqua, comprese fonti a Scopello e Balata di Baida, è di  65 litri al secondo: il pozzo di Inici, che fornisce 38 litri di acqua al secondo, è la maggiore fonte idrica cittadina.

La Redazione

© Riproduzione riservata

Tags: castellammare - furto - cavi - fornitura - acqua - comune - emergenza - enel - sindaco - nicolò coppola -

Notizie correlate:
- 01/04/2015  Castellammare, "social housing" al via: il comune aderisce all'iniziativa del Governo
- 21/03/2015  Castellammare, il Comune e il centro "Don Pino Puglisi" insieme per le famiglie in difficoltà
- 20/03/2015  La strage nel museo tunisino: "Così abbiamo vissuto questo dramma"
- 17/03/2015  Castellammare, il Comune e il Gal Elimos restaurano gli antichi abbeveratoi
- 06/03/2015  Castellammare, ripristino della pavimentazione del centro storico, il sindaco incontra i commercianti

Ottica Nuova Visione Monreale
COMMENTI




















Testata Giornalistica Registrata - Autorizzazione del Tribunale di Palermo N. 621/2013
Direttore Responsabile Giorgio Vaiana - Condirettore Responsabile Michele Ferraro

Versione Mobile - Disclaimer - Pubblicità - Privacy - Scriveteci
© 2019 - Migi Press Snc - vincenzoganci.com - Codice Sorgente di Fp Web