Dal tuo Comune Monreale Palermo Alcamo Altofonte Bagheria Balestrate Belmonte Mezzagno Borgetto Camporeale Carini Casteldaccia Castellammare Castelluzzo Cefalù Cinisi Corleone Partinico Piana degli Albanesi San Cipirello San Giuseppe Jato San Vito Lo Capo Santa Cristina Gela Termini Imerese Terrasini Trabia
Facebook Page Twitter Google Plus YouTube Rss

Home Cronaca Politica Sport Eventi Palermo Regione Italia Mondo

Spazio Vitale
 
 

01/11/2014 Bagheria

Regione

Bagheria, minacce e botte al gestore di un locale estivo, arrestati in due

Bagheria, minacce e botte al gestore di un locale estivo, arrestati in due Stampa

Pretendevano la gestione della sicurezza

La Polizia di Stato ha eseguito un provvedimento di Custodia Cautelare in carcere nei confronti dei pregiudicati bagheresi Gaspare Ribaudo, 23enne ed  Emanuel Rughoo Tejo, 38enne, così come disposto dal Gip del Tribunale di Palermo, Roberto Riggio, su richiesta dei Pm Sergio De Montis e Francesca Mazzocco.

I due dovranno rispondere del reato di tentata estorsione, aggravata dall’aver agito con modalità mafiose.

Così come accertato dalle indagini dei poliziotti della sezione “Criminalità Organizzata” della Squadra Mobile di Palermo, il contesto nel quale è maturato l’episodio estorsivo attribuito ai due indagati è quello dei locali di ristoro ed intrattenimento estivi ed, in particolare, della gestione della loro “guardiania”.

Vittime degli episodi estorsivi, padre e figlio, gestori di un noto locale nella zona est cittadina.

Tre gli episodi di violenza, uno per anno, a partire dal 2012, denunciati dalle vittime.

I fatti, alla luce dell’ apertura del locale soltanto durante il periodo estivo, bene rendono l’idea dell’allarmante escalation di violenza e pressione psicologica cui padre e figlio sono stati sottoposti.

I due hanno raccontato ai poliziotti che, in due circostanze, il regolare svolgimento di spettacoli musicali e di intrattenimento di clienti e consociati è stato “turbato” da inquietanti incursioni avvenute in puro stile di avvertimento mafioso, nel corso delle quali, anche qualche consociato è stato picchiato.

A completare la rassegna di violenze e minacce, lo scorso 29 luglio, un ultimo episodio, attraverso il quale i malviventi hanno disvelato la loro reale intenzione: acquisire la gestione della “sicurezza” del locale, molto frequentato durante l’estate .

In quest’ultima circostanza, una decina di malviventi hanno avvicinato il figlio del gestore mentre si trovava in un bar di Bagheria.

La disponibilità richiesta al giovane da uno dei malviventi di festeggiare una serata di “addio al celibato”, proprio nel locale gestito dall’interlocutore si è subito rivelata un banale pretesto.

Due dei malviventi, in passato “buttafuori” abusivi in un locale del bagherese e riconosciuti dalla vittima quali partecipanti attivi alle precedenti aggressioni subite, lo hanno minacciato di gravi ritorsioni, evocando le precedenti violenze, se non avesse concesso loro la gestione della sicurezza del locale.

Dopo questo ennesimo episodio, la denuncia delle vittime ha dato il via alle indagini dei poliziotti.

Gli agenti hanno collegato i tre episodi, ricostruendo così il quadro d’insieme di un’unica vicenda estorsiva, manifestatasi con modalità tipicamente mafiose ed atta ad imporre un servizio od a sottrarre un’attività economica.

I due sono stati tratti in arresto ed indagini sono in corso per risalire all’identità degli altri partecipanti alle aggressioni.

La Redazione

© Riproduzione riservata

Tags: polizia - bagheria - arresto - estorsione - minacce - botte - locale estivo - Gaspare Ribaudo - Emanuel Rughoo Tejo

Notizie correlate:
- 30/10/2014  Carini, droga nei biberon, serra abusiva e materiale pedopornografico: denunciata una giovane coppia
- 28/10/2014  Palermo, spacciava a due passi dalla scuola, arrestato un giovane
- 27/10/2014  Bagheria, la rapina violenta ad una parafarmacia, preso uno dei tre ladri
- 25/10/2014  Palermo, chiusa la lavanderia della mafia, era del boss Giulio Caporrimo
- 24/10/2014  Bagheria, erano il terrore dei commercianti, arrestati in tre

Ottica Nuova Visione Monreale
COMMENTI




















Testata Giornalistica Registrata - Autorizzazione del Tribunale di Palermo N. 621/2013
Direttore Responsabile Giorgio Vaiana - Condirettore Responsabile Michele Ferraro

Versione Mobile - Disclaimer - Pubblicità - Privacy - Scriveteci
© 2019 - Migi Press Snc - vincenzoganci.com - Codice Sorgente di Fp Web