Dal tuo Comune Monreale Palermo Alcamo Altofonte Bagheria Balestrate Belmonte Mezzagno Borgetto Camporeale Carini Casteldaccia Castellammare Castelluzzo Cefalù Cinisi Corleone Partinico Piana degli Albanesi San Cipirello San Giuseppe Jato San Vito Lo Capo Santa Cristina Gela Termini Imerese Terrasini Trabia
Facebook Page Twitter Google Plus YouTube Rss

Home Cronaca Politica Sport Eventi Palermo Regione Italia Mondo

Spazio Vitale
 
 

12/02/2013 

Regione

Autorizzata pesca del novellame, Legambiente attacca

Autorizzata pesca del novellame, Legambiente attacca Stampa

Per l´associazione la decisione del governo è da irresponsabili e va contro la riforma della politica comune della pesca appena approvata dal parlamento europeo

Il Governo Regionale siciliano ha autorizzato la pesca del novellame nei mari siciliani. Una decisione che Legambiente contesta ferocemente. “Si tratta di un vero condono per la pesca illegale – ha dichiarato Sebastiano Venneri, responsabile nazionale Mare di Legambiente –, che va a totale vantaggio di chi è uso a depredare i nostri mari ed a totale discapito delle marinerie corrette e seriamente impegnate a valorizzare la risorsa mare. Una decisione che opponendosi completamente alla riforma della politica comune della pesca appena approvata dal Parlamento europeo, allontana sempre più la Sicilia dall’Europa”.

Sotto la voce novellame sono compresi avannotti di tutte le specie ittiche, anche quelle pregiate comeMormore, Triglie, Fagiani, Tracine, Pettini. Inoltre, con le lime dei piombi delle sciabiche, vengono arati i fondali, distruggendo tutte le forme di vita presenti e rendendo impossibile l’uso di altri sistemi ben più selettivi e sostenibili. Al danno all’ambiente costiero marino, si deve aggiungere il danno allo stesso settore della pesca, dato che questo tipo di pesca, così come lo strascico, contribuisce in maniera determinante al depauperamento delle risorse ittiche.

“Da un Governo che doveva compiere una “Rivoluzione” nel senso della Legalità e del rispetto delle risorse naturali, ci si aspettava qualcosa di molto diverso – ha dichiarato il presidente del Circolo Legambiente Nebrodi Enzo Bontempo -. Per un provvedimento del genere sarebbe bastato invece un normalissimo Governo del passato. L’apertura della pesca alla “neonata” suona infatti come un provvedimento ispirato dalla logica delle mance elettorali, volto a raccattare il voto degli operatori più spregiudicati, che mirano a realizzare profitti immediati a danno di tutti i lavoratori del mare che si sono battuti negli anni contro questo tipo di pesca distruttiva per il mare ed offensiva per la sensibilità dei cittadini”.

La Redazione

© Riproduzione riservata

Tags: pesca - novellame - legambiente - sebastiano venneri - enzo bontempo

Ottica Nuova Visione Monreale
COMMENTI




















Testata Giornalistica Registrata - Autorizzazione del Tribunale di Palermo N. 621/2013
Direttore Responsabile Giorgio Vaiana - Condirettore Responsabile Michele Ferraro

Versione Mobile - Disclaimer - Pubblicità - Privacy - Scriveteci
© 2019 - Migi Press Snc - vincenzoganci.com - Codice Sorgente di Fp Web