Dal tuo Comune Monreale Palermo Alcamo Altofonte Bagheria Balestrate Belmonte Mezzagno Borgetto Camporeale Carini Casteldaccia Castellammare Castelluzzo Cefalù Cinisi Corleone Partinico Piana degli Albanesi San Cipirello San Giuseppe Jato San Vito Lo Capo Santa Cristina Gela Termini Imerese Terrasini Trabia
Facebook Page Twitter Google Plus YouTube Rss

Home Cronaca Politica Sport Eventi Palermo Regione Italia Mondo

Spazio Vitale
 
 

10/02/2015 

Regione

Ambulanze vecchie e pronte per essere dismesse: a rischio 30 postazioni del 118 e 300 dipendenti

Ambulanze vecchie e pronte per essere dismesse: a rischio 30 postazioni del 118 e 300 dipendenti Stampa

A fine marzo i mezzi della Seus compiranno 5 anni, altre supereranno 150 mila chilometri

Una trentina di ambulanze della Seus compiranno 5 anni a fine marzo. È l'età giusta per non essere più adatte - per legge - ad essere utilizzate per servizi di emergenza. Altre invece, supereranno i 150.000 km, e anche questo è un requisito necessario per non lavorare come 118. 

Nessuno tra i privati accreditati, possessori di ambulanze, si lascerà sfuggire questa ghiotta occasione: far rilevare che le ambulanze della Seus devono essere dismesse. E allora, almeno 30 postazioni del 118 pubblico saranno chiuse o più probabilmente affidate agli stessi privati, i cui rappresentanti sono ultimamente spesso visti frequentare la sede catanese di Seus, presso l'ospedale Cannizzaro di Catania. Se consideriamo 11 autisti per ogni postazione, la rogna per la Seus é ben più grave. Non solo non sono state sostituite le ambulanze, ma cosa fare di questo personale? 

Ci si potrebbe domandare come mai non si siano comprate le nuove ambulanze, ma in realtà la Seus attende ancora la delibera di giunta che consenta alla società di offrire garanzie certe agli eventuali fornitori che si aggiudicheranno il ricco appalto da oltre 9 milioni di euro.

Insomma, anche per la società di gestione dell'emergenza si prepara una nuova emergenza e per il Presidente della Regione un ennesimo fiasco. O forse è tutto voluto, forse come ha già detto in passato Crocetta, la Seus è appetibile per il mercato. La verità la conosceremo a breve, il primo giorno di aprile, ma il timore è che non ci sia affatto da scherzare.

La Redazione

© Riproduzione riservata

Tags: regione - sicilia - sanità - seus - ambulanze - 118 - appalto - sicilia -

Notizie correlate:
- 15/02/2014  Castellammare, arriva dalla Regione il documento atteso sul piano regolatore
- 22/08/2013 Tabella H, dopo la soppressione della Targa Florio, a rischio le gare di Pergusa
- 01/08/2013 L´Ars approva la proroga per i precari. Ora si pensa alla stabilizzazione
- 02/07/2013 Licenziati i centralinisti all´Ars e sostituiti con una segreteria
- 17/05/2013 Le centrali cooperative scrivono a Crocetta: "Ci convochi al più presto"

Ottica Nuova Visione Monreale
COMMENTI




















Testata Giornalistica Registrata - Autorizzazione del Tribunale di Palermo N. 621/2013
Direttore Responsabile Giorgio Vaiana - Condirettore Responsabile Michele Ferraro

Versione Mobile - Disclaimer - Pubblicità - Privacy - Scriveteci
© 2019 - Migi Press Snc - vincenzoganci.com - Codice Sorgente di Fp Web