Dal tuo Comune Monreale Palermo Alcamo Altofonte Bagheria Balestrate Belmonte Mezzagno Borgetto Camporeale Carini Casteldaccia Castellammare Castelluzzo Cefalù Cinisi Corleone Partinico Piana degli Albanesi San Cipirello San Giuseppe Jato San Vito Lo Capo Santa Cristina Gela Termini Imerese Terrasini Trabia
Facebook Page Twitter Google Plus YouTube Rss

Home Cronaca Politica Sport Eventi Palermo Regione Italia Mondo

Spazio Vitale
 
 

15/11/2014 Altofonte

Regione

Alberi abbattuti nel bosco tra Altofonte e Piana degli Albanesi: Legambiente ferma lo scempio

Alberi abbattuti nel bosco tra Altofonte e Piana degli Albanesi: Legambiente ferma lo scempio Stampa

Al lavoro la Forestale, ma la Regione blocca tutto

I boschi siciliani non hanno tregua e, sembra un paradosso, gli alberi scampati agli incendi distruttivi di questa estate stanno cadendo ora sotto i colpi delle motoseghe della forestale siciliana.
“Da giorni sono in corso lavori assurdi nel demanio forestale che costeggia la strada provinciale che da Altofonte conduce a Piana degli Albanesi – denuncia Angelo Dimarca Responsabile Regionale del Dipartimento Conservazione Natura di Legambiente Sicilia – Centinaia di alberi vengono abbattuti dagli operai forestali per creare una ampia fascia nuda, in un’area non interessata dagli incendi. Ma vi è di più: gli alberi, che svolgono un’importante funzione di difesa idrogeologica, vengono abbattuti proprio dove negli anni sono state realizzate enormi barriere paramassi. E i boschi costituiscono anche naturali barriere a difesa del rotolamento dei massi. Secondo comuni criteri di buon senso si tratta di lavori inutili e dannosi e comunque non prioritari.  E l’interrogativo legittimo ed inquietante allo stesso tempo è: dove finiscono queste migliaia di metri cubi di legname? Basta con questa forestale, davvero basta”.

Legambiente denuncia l’assenza dei piani di gestione forestale per ogni complesso boscato obbligatori per legge e l’esecuzione di lavori al di fuori di ogni programmazione, il nuovo piano antincendio (che contiene una censura molto severa sulla realizzazione dei viali parafuoco effettuata negli anni precedenti e sino a questa estate) giace da 2 anni nei cassetti della Presidenza della Regione e non viene decretato. “In questi giorni – continua Angelo Dimarca – pur di garantire comunque le giornate lavorative a decine di migliaia di operai, sono stati aperti centinaia di cantieri al di fuori di ogni pianificazione e di elementari criteri di priorità”. Legambiente chiede un immediato intervento dei neo Assessori regionali all’Agricoltura Caleca ed all’Ambiente Croce per bloccare gli abbattimenti lungo la strada provinciale Altofonte-Piana degli Albanesi e per dare immediato avvio alle attività di programmazione forestale e di pianificazione idrogeologica a livello di bacino, unico strumento per riconvertire in modo serio il settore, rinunciando ad ogni improvvisazione e a logiche emergenziali ed assistenziali.

Intanto la Regione dà la prima risposta, sospendendo gli abbattimenti forestali tra Altofonte e Piana degli Albanesi.
Legambiente esprime apprezzamento per l’intervento dei neo assessori regionali all’Agricoltura Caleca ed all’Ambiente Croce di sospendere gli interventi di tagli nel demanio della Moarda e rivedere sul piano tecnico il progetto.
“Sensibilità personali e istituzionali nuove che creano il presupposto per un discorso serio sulla forestale siciliana – dichiara Angelo Dimarca –. Sugli errori commessi negli ultimi anni e dinnanzi alle sfide future su cambiamenti climatici, dissesto idrogeologico e perdita di biodiversità,  si
può costruire il futuro per una forestale sana, fortemente connotata sul piano tecnico ed utile  ambientalmente e socialmente”.
In merito ad alcune notizie stampa circolate in queste ore, Legambiente precisa: “Non abbiamo attribuito mai alla forestale – sottolinea Mimmo Fontana, presidente regionale di Legambiente Sicilia - colpe di causare danni più degli incendi. Solo uno stupido od un irresponsabile potrebbe sostenerlo. I documenti di Legambiente sono chiari e non si prestano ad alcun equivoco. Si tratta di titoli scorretti, che si ripetono puntualmente quando si parla della forestale siciliana alla ricerca dello scandalismo fine a sé stesso e non a fare corretta informazione. Conosciamo bene la distinzione tra Corpo Forestale ed  (ex) Azienda, ma pezzi della politica e della burocrazia  dalla legge 14 del 2006 fino alla grave scelta della graduatoria unica degli operai, hanno progressivamente operato per annullare la netta separazione voluta nel 2002. E poi se chi è preposto a vigilare non interviene, si assume la stessa responsabilità di chi realizza gli interventi contestati”. 

La Redazione

© Riproduzione riservata

Tags: abbattimento - bosco - moarda - altofonte - piana degli albanesi - forestale - alberi - legambiente - regione siciliana - assessori - caleca - croce

Ottica Nuova Visione Monreale
COMMENTI




















Testata Giornalistica Registrata - Autorizzazione del Tribunale di Palermo N. 621/2013
Direttore Responsabile Giorgio Vaiana - Condirettore Responsabile Michele Ferraro

Versione Mobile - Disclaimer - Pubblicità - Privacy - Scriveteci
© 2019 - Migi Press Snc - vincenzoganci.com - Codice Sorgente di Fp Web