Dal tuo Comune Monreale Palermo Alcamo Altofonte Bagheria Balestrate Belmonte Mezzagno Borgetto Camporeale Carini Casteldaccia Castellammare Castelluzzo Cefalù Cinisi Corleone Partinico Piana degli Albanesi San Cipirello San Giuseppe Jato San Vito Lo Capo Santa Cristina Gela Termini Imerese Terrasini Trabia
Facebook Page Twitter Google Plus YouTube Rss

Home Cronaca Politica Sport Eventi Palermo Regione Italia Mondo

Spazio Vitale
 
 

24/06/2015 Monreale

Politica

Abuso ed omissione di atti d'ufficio, l'ex sindaco di Monreale Di Matteo rinviato a giudizio

Abuso ed omissione di atti d'ufficio, l'ex sindaco di Monreale Di Matteo rinviato a giudizio Stampa

Accuse pesanti dalla Procura per l'ex primo cittadino 

Lo avevamo anticipato nell’agosto del 2014 (leggilo qui) ed ora arriva la conferma

L’ex sindaco di Monreale Filippo Di Matteo è stato rinviato a giudizio con l’accusa di abuso di ufficio, reiterato e continuato nel tempo, omissione e rifiuto di atti d’ufficio.

Sulla testa dell’ex primo cittadino di Monreale, penzolano accuse gravi. Secondo quanto ipotizza la Procura, Di Matteo, durante il suo mandato, avrebbe favorito vari soggetti autorizzando la vendita e l’esposizione di prodotti, non solo per le licenze ambulanti, ma anche per i posti fissi o per il rilascio delle concessioni per il suolo pubblico. Fatti che, come spiega il PM, sono stati reiterati nel tempo, anche 3, 4 e 5 volte e, spesso, agli stessi soggetti. Nel mirino della Magistratura è finito anche il Mercato del Contadino. Qui sarebbero 18 le licenze rilasciate in maniera del tutto anomala. In pratica, Di Matteo, attraverso sue determine, avrebbe autorizzato al commercio soggetti che molto spesso non ne avevano il diritto e nemmeno i requisiti minimi. Nel commercio, infatti, le autorizzazioni vengono rilasciate dal dirigente solo dopo aver ricevuto una richiesta scritta. Dopo viene valutata l’istruttoria ed, a questo punto, il dirigente decide se accordare o negare l’autorizzazione. Per il Giudice, però, tutto questo a Monreale non sarebbe avvenuto. In pratica, Di Matteo avrebbe bypassato questa procedura, agendo con atti personali.

Il filone d’inchiesta è nato, secondo alcune indiscrezioni, proprio dall’interno della Polizia Municipale di Monreale che avrebbe voluto vedere chiaro su alcune licenze concesse in maniera “strana”.  

La Redazione

© Riproduzione riservata

Tags: monreale - filippo di matteo - abuso - ufficio - tribunale - giudizio - giudice - polizia municipale -

Notizie correlate:
- 23/06/2015  Monreale, spacciava vicino al negozio della fidanzata, arrestato
- 23/06/2015  Monreale, a fondo Cangemi arrivano i vigili: multe per le auto parcheggiate male
- 23/06/2015  La luce e le geometrie del Duomo di Monreale: l'incontro è un successo
- 23/06/2015  Monreale, prove di carico sul ponte della circonvallazione, ecco i percorsi alternativi
- 22/06/2015  Nasce il Comitato Promotore Città Unesco del Mediterraneo: 43 sindaci riuniti a Monreale

Ottica Nuova Visione Monreale
COMMENTI




















Testata Giornalistica Registrata - Autorizzazione del Tribunale di Palermo N. 621/2013
Direttore Responsabile Giorgio Vaiana - Condirettore Responsabile Michele Ferraro

Versione Mobile - Disclaimer - Pubblicità - Privacy - Scriveteci
© 2018 - Migi Press Snc - vincenzoganci.com - Codice Sorgente di Fp Web