Dal tuo Comune Monreale Palermo Alcamo Altofonte Bagheria Balestrate Belmonte Mezzagno Borgetto Camporeale Carini Casteldaccia Castellammare Castelluzzo Cefalù Cinisi Corleone Partinico Piana degli Albanesi San Cipirello San Giuseppe Jato San Vito Lo Capo Santa Cristina Gela Termini Imerese Terrasini Trabia
Facebook Page Twitter Google Plus YouTube Rss

Home Cronaca Politica Sport Eventi Palermo Regione Italia Mondo

Spazio Vitale
 
 

21/09/2013 

Regione

23 anni fa veniva ucciso Livatino, il "giudice ragazzino"

23 anni fa veniva ucciso Livatino, il Stampa

Freddato dalla "Stidda" per le sue scottanti inchieste contro la criminalità organizzata. Non aveva una scorta

Rosario Livatino era nato a Canicattì il 3 ottobre del 1952. Conseguì la maturità classica, si trasferì a Palermo dove frequentò la facoltà di Giurisprudenza, laureandosi nel 1975 con il massimo dei voti e la lode. Il suo primo incarico fu l'Ufficio del Registro di Caltanisetta, dove prestò servizio tra il 1977 ed il 1978. Poi, nello stesso anno, essendo tra i primi della graduatoria nel concorso per uditore giudiziario, entrò come magistrato presso il Tribunale di Caltanissetta. L'anno successivo, nel 1979, divenne sostituto procuratore presso il Tribunale di Agrigento e lì restò sino al 1989, anno in cui assunse il ruolo di giudice a latere. La sua breve quanto intensa vita, si concluse il 21 settembre 1990, sulla SS 640: mentre si recava al lavoro al Tribunale con la propria auto priva di blindatura e non potendo usufruire di alcuna scorta, nonostante le scottanti inchieste contro la mafia delle quali si era occupato, conseguendo importanti risultati mediante confisca dei beni a ben noti delinquenti, venne freddato in maniera barbara da quattro killer della "stidda", la tristemente famosa organizzazione malavitosa contrapposta alla "tradizionale" mafia. Dell'omicidio fu testimone oculare un uomo che casualmente transitava nello stesso punto, che si mise a disposizione delle Forze dell'Ordine e della Magistratura fornendo indizi e riferimenti certi che portarono all'arresto degli esecutori materiali dell'omicidio.
Nel 1992 lo scrittore Nando Dalla Chiesa gli dedicò un libro dal titolo "Il Giudice ragazzino" e 1994 il regista Alessandro Di Robiland un film dall'identico titolo. Nel 2006 è stato invece realizzato un film "La luce verticale", finalizzato a promuovere la causa di beatificazione del giovane magistrato che è tutt'ora in corso.

Rosario Lo Cicero

© Riproduzione riservata

Tags: rosario livatino - ucciso - mafia - stidda - anniversario - morte - 21 settembre 1990 - giudice ragazzino

Ottica Nuova Visione Monreale
COMMENTI




















Testata Giornalistica Registrata - Autorizzazione del Tribunale di Palermo N. 621/2013
Direttore Responsabile Giorgio Vaiana - Condirettore Responsabile Michele Ferraro

Versione Mobile - Disclaimer - Pubblicità - Privacy - Scriveteci
© 2019 - Migi Press Snc - vincenzoganci.com - Codice Sorgente di Fp Web